AZ-United, Solskjaer furioso: “È uno dei peggiori campi sintetici che abbia mai visto”

AZ-United, Solskjaer furioso: “È uno dei peggiori campi sintetici che abbia mai visto”

Il Manchester United ha bisogno di una vittoria in Europa League per ritrovare il sorriso dopo settimane difficile. I Red Devils fanno visita all’AZ Alkmaar: il manager Ole Gunnar Solskjaer ha paura che qualcosa possa andare storto per colpa del terreno di gioco.

di Redazione Il Posticipo

In casa United piove sul bagnato. La squadra di Solskajer dovrà vedersela con l’AZ Alkmaar e con ….un campo di plastica, sperando di fare meglio rispetto alla gara del terzo turno di Carabao Cup giocata e vinta contro il modesto Rochdale, superato solo ai rigori.

PLASTICA – Solskjaer, secondo quanto riportato dal Sun,  non si fiderebbe del rimbalzo del pallone irregolare che contraddistingue il prato sintetico dell’AFAS Stadion, dove l’AZ Alkmaar disputa le gare casalinghe. In particolare, la preoccupazione ha spinto il manager norvegese ad annullare la seduta a centro di allenamento di Carrington costringendo la squadra ad allenarsi con un certo anticipo sul campo avversario così da abituarsi al terreno di gioco che ospiterà la sfida valida per la seconda giornata di Europa League.

INFORTUNI – Al netto delle irregolarità del rimbalzo del pallone, Solskjaer è terrorizzato dagli infortuni. Teme che  la squadra possa avere problemi nel corso della partita e subire le conseguenze rimediando qualche infortunio che complicherebbe un inizio di stagione giù decisamente tortuoso. Il manager è rimasto senza parole dopo aver visto il campo dell’AZ Alkmaar: “Sono sorpreso che abbiano scelto di giocare su questo terreno. Sono abituato ai campi di erba sintetica che ci sono in Norvegia, questo però è uno dei peggiori che ho visto nella mia vita”.

POLO NORD  Il tecnico si è soffermato a lungo sull’argomento. “Sono sorpreso che le rigidità del clima olandese siano tali da imporre ai club di giocare su campi simili. Vanno bene quando vivi nel Polo Nord, come facciamo in Norvegia dove non possiamo giocare a marzo, novembre o dicembre”. Di certo, però, se lo United continuasse il percorso, disastroso ancor più del terreno di gioco dell’AZ,on pochi sarebbero pronti a concedergli questa attenuante.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy