Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Aubameyang, questione di numeri e di numero: con la 14 di Henry scrive un piccolo record…

Oggi il web celebra il franco-gabonese Aubameyang per l'ennesimo avvicinamento a Henry: dall'addio di Titi, è il primo Gunner a segnare 20 o più gol in stagioni consecutive.

Redazione Il Posticipo

L'Arsenal degli invincibili di Wenger è ormai un lontano ricordo. Ai londinesi mancano tante cose: un'intelaiatura di squadra che mantenga una certa continuità, un lungo ciclo con un allenatore e la  solidità difensiva. In attacco, invece, le cose vanno più che bene da quando c'è Aubameyang. Oggi il web celebra il franco-gabonese per l'ennesimo avvicinamento a Henry: dall'addio di Titi, è il primo attaccante con la maglia dei Gunners a segnare più di 20 gol per due stagioni consecutive.

HENRYANG - A riportare la statistica è l'account Twitter di B/R Football. Sia chiaro, paragonare il talentuosissimo Aubameyang a Thierry Henry potrebbe sembrare dissacrante dal punto di vista di un tifoso dell'Arsenal ma il tutto suona quasi come una provocazione. Anche perché è impensabile che dalla stagione 2006/2007 l'Arsenal non sia riuscita a trovare un degno sostituto del francese. Bisogna ricordare che l'ex Juve, passato poi al Barcellona dall'Arsenal, ha segnato più di venti gol a stagione dal 2001/02 (24) fino al 2005/06 (27). E solo in Premier League, nella stagione 2002/03 ha segnato 24 gol e fatto 25 assist: insomma, 49 gol totali fatti grazie a lui.

NUMERO E NUMERI - Sarà per questo che Pierre-Emeryck Aubameyang, al suo arrivo a Londra ha scelto la maglia numero 14. In realtà come riporta Goal.com, la sua è stata una scelta piuttosto obbligata visto che Mkhitaryan indossava la numero 7 e Lacazette la 9 (i due numeri di maglia che avrebbe voluto l'ex Milan, Saint-Etienne e Borussia Dortmund). Sarà dunque il destino ma, a conti fatti, prendere la 14 di Henry è stata un'ottima idea. Dopo i 22 gol in campionato dello scorso anno, con il gol al Leicester City, il franco-gabonese segna il ventesimo gol in Premier di questa strana stagione. Insomma, questione di numero (di maglia) e... di numeri.