Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Aubameyang: “La malaria il momento peggiore della mia vita. Voglio la finale, la dobbiamo ai nostri tifosi”

(Photo by Catherine Ivill/Getty Images)

L'attaccante dell'Arsenal a tutto campo.

Redazione Il Posticipo

Aubameyang a tutto campo alla vigilia della sfida che può valere una stagione per l'Arsenal. Il centravanti ha superato un momento particolarmente complicato dal punto di vista personale. La malaria ha lasciato il segno, ma è un ricordo. Il presente è la semifinale contro il Villarreal ultima tappa verso la finale.

MALARIA - L'attaccante dell'Arsenal, come riportato da Football London, spiega il suo stato di forma. "Mi sentivo  molto male. Ho avuto la febbre per tre giorni di seguito, tutto il giorno e tutta la notte. È stato un momento davvero brutto. Adesso mi sento al 90%, sono decisamente pronto per giocare una sfida importante come questa. So che fisicamente manca qualcosa, ma la testa è molto al di più del 100% e può fare la differenza. Ho attraversato momenti difficili, anche mi madre non è stata bene. È stato un anno difficile per me. Adesso spero che la prossima stagione sarà diversa. Per me la vicinanza della famiglia è qualcosa di molto importante. E spero che chiunque possa averla sempre vicina".

SOTTOTONO - Al netto dei problemi legati alla salute, la stagione è stata sottotono. Forse la peggiore. "Ho avuto delle stagioni ancor più brutte all'inizio della mia carriera. Sicuramente è la più complicata degli ultimi anni. Ho avuto alcuni problemi dentro e fuori dal campo ma sono fiducioso per questo finale di stagione. Non credo che le critiche siano esagerate, sicuramente fanno male, ma questo fa parte del calcio e a volte devi saperle accettare. Dopo quello che ho fatto negli ultimi anni le persone ovviamente avevano delle aspettative diverse".

e ai tifosi che si aspettano tanto da me".