Aubameyang cosa fai? Nuovo tatuaggio durante il lockdown

Il franco-gabonese è un appassionato di tatuaggi e, a quanto pare, non ha saputo aspettare la fine delle restrizioni in Inghilterra per farsi il nuovo tatuaggio. E l’Arsenal non la prende molto bene.

di Redazione Il Posticipo

Tatuaggi e calciatori, binomio quasi indissolubile. Negli ultimi anni, in campo, si sono viste delle autentiche opere d’arte. Fra i più originali, Pierre-Emerick Aubameyang. Il franco-gabonese è un vero e proprio appassionato della materia e, a quanto pare, non ha saputo aspettare la fine delle restrizioni in Inghilterra per un nuovo tatuaggio. E l’Arsenal non la prende molto bene.

TATUAGGIO – Nel Regno Unito, al momento, vige un nuovo e severissimo lockdown. Boris Johnson ha promesso che sarà l’ultimo ma non per questo ha concesso deroghe. La maggior parte delle attività sono chiuse ma a quanto pare qualcuno trova il modo di lavorare comunque. Stando a quanto riporta il Sun, il 9 febbraio, l’account Instagram di Alejandro Nicolas Bernal, tatuatore di Aubameyang, posta la foto dell’attaccante per pubblicare il capolavoro appena terminato sulla sua mano. Niente di grave, ma c’è un problema: se il lavoro coincide al momento dello scatto, era già in vigore il lockdown. E ora i calciatore rischia guai col club e con la giustizia inglese.

(Photo by Andrew Couldridge/Pool via Getty Images)

DATE – Non è possibile determinare con esattezza se il contenuto pubblicato risalga al giorno stesso della pubblicazione o sia soltanto stato postato in una data fuorviante. L’Arsenal ha lasciato intendere attraverso un comunicato stampa che andrà a fondo alla questione e cercherà di capire meglio cos’è accaduto. “Gli parleremo per ricordargli le sue responsabilità e per chiarire cosa è successo esattamente“. Il giocatore, inoltre, nell’ultimo periodo ha anche ricevuto un permesso speciale dal club per tornare in Francia per far visita alla madre malata. Ci sono casi e casi, bisogna sempre appurare cosa sia successo esattamente prima di farsi un’opinione sbagliata sull’accaduto e di conseguenza sul giocatore. Un vero peccato per il ragazzo, che era riuscito a togliersi di dosso scomode etichette dopo la prima tripletta realizzata in Premier League e con ogni probabilità finirà nell’occhio del ciclone mediatico.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy