Atletico, la partenza sprint di Suarez è da… titolo

Simeone può contare su un “9” da 20 gol a stagione. E la storia insegna che spesso ha vinto quando è accaduto.

di Redazione Il Posticipo

Suarez, la garanzia del ritorno alla vittoria dell’Atletico. I colchoneros, quando hanno vinto in Spagna o in Europa, si sono sempre affidati ai gol del centravanti. Lo dice la storia: da Penev a Diego Costa, passando per Torres, Forlan, Aguero e Falcao sino a Griezmann).

MACCHINA – Suarez, con la sua partenza sprint, sta ripercorrendo, a dispetto della sua carta d’identità, un percorso che nelle ultime ultime stagioni lo ha sempre portato a superare i 20 gol stagionali fra tutte le competizioni.  Suárez ha iniziato la sua stagione segnando cinque gol nelle prime sei presenze in campionato (uno ogni 75 minuti) . E nonostante non sia riuscito a debuttare in Champions League nelle tre partite giocate, con l’Uruguay ha aggiunto altri quattro gol in tre partite (una ogni 62,5 minuti ).

AIUTO –  Merito anche di un calcio diverso, costruito per favorire più assistenza possibile al centravanti uruguaiano che ha bisogno di molti compagni intorno a lui per rendere al massimo. Risultato: l’Atletico cerca molto meno il lancio lungo o la profondità e si presenta con più uomini negli ultimi sedici metri per garantire più palloni possibili con una consapevolezza diversa rispetto allo scorso anno. La squadra sa bene di avere, al centro dell’attacco, un calciatore in grado di concretizzate al massimo la mole di gioco prodotta. Un rischio calcolato. E, numeri alla mano, estremamente redditizio.

SOLUZIONE – Fra l’altro la presenza di Suarez permette di avere anche un alternativa in più. Un cecchino praticamente quasi infallibile dagli undici metri: con l’Uruguay ha mostrato ancora una volta la sua precisione. Un dato che potrebbe tornare quanto mai utile all’Atletico che negli ultimi anni ha spesso sprecato l’occasione di andare in gol dal dischetto: è accaduto già in questa stagione con Saul che ha sbagliato contro il Granada e Joao Felix con l’Osasuna.

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy