calcio

Atletico, alla cena di Natale è Mono Burgos show!

Il 2018 è stato un anno di successi per l'Atletico Madrid. C'è dunque da festeggiare e di conseguenza Simeone e compagnia si sono davvero divertiti. E anche i Colchoneros hanno avuto il loro...cantante famoso alla cena di Natale!

Redazione Il Posticipo

Arriva il Natale e tutte le squadre si incontrano per la classica cena in cui ci si scambiano gli auguri e i regali e si fa il bilancio della stagione. All'Atletico Madrid hanno poco di cui lamentarsi, perchè in fondo in questo 2018 sono arrivate belle soddisfazioni: l'Europa League, vinta in finale contro il Marsiglia, e poi la Supercoppa Europea, strappata ai cugini del Real in quel di Tallinn. C'è dunque da festeggiare e di conseguenza Simeone e compagnia si sono davvero divertiti. E prendendo in prestito l'idea del Napoli, che ha portato alla sua festa Anastasio, anche i Colchoneros hanno avuto il loro cantante famoso.

BURGOS SHOW - Si tratta di...un tale German Burgos, interprete argentino che sul finire degli anni Novanta ha inciso un paio di dischi di musica rock con il suo gruppo, i La Piara, poi diventati Burgos Simpatia e infine The GARB. Certo, avranno pensato alcuni dei calciatori, quel tizio sul palco somiglia un po' troppo al nostro vice allenatore... Perchè ovviamente con il microfono in mano c'è proprio il Mono, l'inseparabile secondo di Simeone, ad allietare la serata dell'Atletico Madrid. Uno show inaspettato, ma non troppo, visto il passato da rocker di Burgos, che alla musica non ha mai voluto rinunciare anche quando era già un calciatore professionista. Qualcuno probabilmente era già al corrente delle doti artistiche del Mono, i ragazzi più giovani della rosa forse no.

MICK JAGGER - Chi c'era dopo la conquista dell'Europa League, già sapeva comunque cosa sarebbe successo. Anche in quel caso i festeggiamenti hanno visto il Mono come gran protagonista, tra imitazioni riuscitissime di Mick Jagger e addirittura qualche passo accennato di reggaeton, un genere che ci si aspetta dai suoi giovanissimi calciatori, un po' meno da un rocker vecchio stampo la cui carta di identità viaggia verso i cinquanta. Ma in fondo, l'animo da intrattenitore Burgos ce l'ha...anche in campo, sebbene sia spesso nascosto da una faccia che è tutta un programma. Ma quando canta, persino il Mono sa sorridere. E visti i risultati dell'Atletico, suo e di Simeone, ha tutti i motivi per farlo.