Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Atalanta, Pezzella pronto a non far rimpiangere Gosens: “Non sarà facile ma posso seguire il suo esempio”

Atalanta, Pezzella pronto a non far rimpiangere Gosens: “Non sarà facile ma posso seguire il suo esempio” - immagine 1

Arrivato in sordina da Parma, si sta rivelando uno degli acquisti più azzeccati.

Redazione Il Posticipo

Atalanta, dove tutti sono utili e nessuno è indispensabile. Spesso, le risorse dopo le cessioni sono state attinte dalla rosa. E, proprio come Gosens, Giuseppe Pezzella, arrivato in sordina da Parma, si sta rivelando uno degli acquisti più azzeccati. 24 anni, già 18 presenze fra campionato e coppe. E complice l'addio del tedesco, l'esterno  adesso è promosso... sul campo. E come dichiarato all'Eco di Bergamo, il ragazzo è pronto a raccoglierne l'eredità in nerazzurro su sfondo azzurro.

CRESCITA - L'effetto Gasperini ha spesso trasformato gli esterni. E Pezzella è l'ennesima dimostrazione della bontà del laboratorio di Zingonia, dove si forgiano talenti. "Sono il primo ad essere sorpreso di questa crescita e non ho dubbi che siano frutti del lavoro e della costanza. IOl merito è del mister e della squadra. Spero di emulare Robin, per me è un esempio da seguire anche per come si è evoluto. Ha avuto qualche problema all'inizio, poi è diventato titolare e protagonista ad altissimo livello. Anche Hateboer era uno sconosciuto. Sono consapevole che non sarà facile, ma la qualità emerge solo con la continua applicazione e l'intensità degli allenamenti".

COMPLETO - Pezzella è già un altro giocatore rispetto a sei mesi fa. Per essere completo e iscriversi nella storia recente dei grani esterni dell'Atalanta gli manca il gol. "Sto vivendo uno dei periodi migliori della mia carriera. La svolta è arrivata nella sfida di Champions contro lo Young Boys, una serata indimenticabile. Oltre all'emozione di giocare nell'Europa che conta ho avuto la percezione di aver preso confidenza con i meccanismi di gioco. Adesso attacco l'area, taglio verso l'interno e sono migliorato anche in fase difensiva. Il prossimo obiettivo è essere più freddo. Un esterno si misura anche dai gol e dagli assist".

FUTURO - Pezzella ha anche fissato i propri obiettivi, nerazzurri e azzurri. "Non importa essere convocati per lo stage, meglio a marzo. La Nazionale fa sempre piacere. Dipende tutto da me, devo convincere l'Atalanta a riscattarmi con il rendimento. Sono fiducioso anche perché la storia racconta che nel girone di ritorno questa squadra ha sempre innestato una marcia in più. Siamo già andati molto forte, migliorarsi ancora significherebbe centrare traguardi importanti".