Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Atalanta, Pessina non ci sta: “Fallo su di me palese. Non capisco perché non siano intervenuti”

Atalanta, Pessina non ci sta: “Fallo su di me palese. Non capisco perché non siano intervenuti” - immagine 1

La Dea esce da San Siro con una sconfitta che lascia l'amaro in bocca.

Redazione Il Posticipo

La Dea esce da San Siro con una sconfitta che lascia l'amaro in bocca. Il Milan ha imposto la sua qualità ma in casa nerazzurra resta anche più di qualche recriminazione legata alla rete del vantaggio di Leao. Il portoghese ha messo a segno una rete molto contestata dagli ospiti per fallo su Pessina. Il diretto interessato ha parlato dell'episodio che lo ha visto protagonista ai microfoni di DAZN. 

PERPLESSO -  Il centrocampista dell'Atalanta lasciato pochi spazi alle interpretazioni: "La partita l'avete vista, è stata giocata bene da entrambe le parti. Siamo riusciti a portarla avanti, si stavano creando degli spazi  poi è arrivato il loro gol da questo contatto. Penso sia palese che fosse fallo. Non so perché non  l'abbiano fischiato e neanche perché chi l'ha rivisto al Var non abbia reputato giusto intervenire. Chiunque ha giocato al calcio sostiene che sia fallo e penso che lo sappiate anche voi. Poi il Milan ha giocato molto bene e ha anche  meritato di vincere ma non capisco proprio questa cosa qui".

Atalanta, Pessina non ci sta: “Fallo su di me palese. Non capisco perché non siano intervenuti”- immagine 2

PROSPETTIVE - Una sconfitta che cambia le prospettive in chiave europea. L'Atalanta ci crede ancora, l'aritmetica dà delle speranze. Se si incastrano alcuni risultati, la Dea può ancora inseguire il traguardo che oggi appare così lontano. "L'ultima partita sarà decisiva, ma perché questa è stata una stagione caratterizzata da infortuni e difficoltà, soprattutto nella seconda parte della stagione. I punti dovevano essere fatti prima. Non dovevamo ridurci all'ultima giornata e ad aspettare i risultati che otterranno gli altri. Il nostro obiettivo rimane quello di arrivare in Europa. E anche se non ci dovessimo riuscire o anche se dovessimo centrarlo l'anno prossimo giocheremo per arrivare molto più in alto e tornare ai livelli che si conoscono e a cui abbiamo abituato".