Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Atalanta, Marino: “Si può sbagliare ma se quello non è fuorigioco in 52 anni non ci ho capito molto”

MILAN, ITALY - JULY 29:  Umberto Marino of Atalanta BC attends the Serie A 2019/2020 fixture unveiling on July 29, 2019 in Milan, Italy.  (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images for Lega Serie A)

Il direttore lascia trasparire una certa amarezza per come sia maturato il gol del 2-3. 

Redazione Il Posticipo

Atalanta - Fiorentina regala emozioni dall'inizio alla fine. Dea che pregusta la qualificazione alla semifinale e poi viene beffata al 94' dopo aver rimontato la sfida con la Fiorentina. Sorpasso e controsorpasso alla sfida del Gewsiss che premia la viola e lascia una enorme amarezza in casa nerazzurra. Ai microfoni di Sportmediaset si presenta il direttore Umberto Marino che in uno scambio di vedute con l'ex arbitro Bergonzi lascia trasparire una certa amarezza per come sia maturato il gol del 2-3.

ANALISI - Il direttore dell'Atalanta si sofferma sul gol del 3-2. "Non sono arrabbiato prendo atto di quello che è successo, pensiamo a domenica prossima. Sono qui perché mi è piaciuta la lettura della situazione da parte di Bergonzi. Ci sono delle partite in cui hai la sensazione che il campo sia in salita e gli episodi non danno mai ragione. Non voglio entrare nel dettaglio del calcio di rigore ma contro di noi la Fiorentina ne ha sempre. Si può sbagliare, ma più che altro mi è dispiaciuta la dinamica del terzo gol, nato da un'azione che forse non andava fischiata. A sentire Demiral non c'era, l'ho riguardata a campo largo e non mi sembrava così evidente. Se De Roon rimette in gioco il calciatore della Fiorentina in 52 anni significa che non ho capito molto del fuorigioco".

MILAN, ITALY - JULY 29:  Umberto Marino of Atalanta BC attends the Serie A 2019/2020 fixture unveiling on July 29, 2019 in Milan, Italy.  (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images for Lega Serie A)

ERRORE - Nello scambio di opinione il direttore sportivo non riesce a contenere l'amarezza. "Lo avete detto voi che un errore e così non lo dico io. Al 91' non vedere un fuorigioco del genere a mio avviso o valutare così la situazione è un errore piuttosto grave, non è la prima volta che accade. Spiace perdere una semifinale così per un episodio al 92'. Ne parlavamo anche negli spogliatoio, questo sta diventando ormai il campionato dei frame, delle immagini. Capisco che gli errori facciano parte del gioco del calcio, dobbiamo accettarli, guardare alla prossima partita. Che in studio un ex arbitro dica che ci sia un errore è una magra consolazione ma almeno c'è la certificazione di un errore "