Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Atalanta, Gori: “Evitare assembramenti. Pronostico? La Juve ha vinto tanti trofei, può anche perderne uno…”

BERGAMO, ITALY - OCTOBER 14:  Mayor of Bergamo Giorgio Gori and head coach Italy Roberto Mancini honor the Covid-19 Victims In Bergamo on October 14, 2020 in Bergamo, Italy.  (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Il sindaco di Bergamo fra prudenza e speranza.

Redazione Il Posticipo

L'Atalanta pronta all'appuntamento con la storia. La seconda finale di Coppa Italia in tre edizioni, con la speranza, per i tifosi, in un epilogo diverso. E qualora accadesse di ripetere l'impresa del 1963 Il sindaco Giorgio Gori e l'Atalanta hanno deciso di diramare un comunicato stampa per evitare assembramenti.

COMUNICATO - Il primo cittadino ha emesso un comunicato congiunto con la società. "Mercoledì sera l’Atalanta scende in campo a Reggio Emilia per coronare l’ennesima fantastica stagione sportiva. Mercoledì sera alcune centinaia di tifosi nerazzurri potranno entrare al Mapei Stadium di Reggio Emilia per assistere alla finale di Coppa Italia con la Juventus. Tutti gli altri dovranno accontentarsi di seguirla in tv. Anche se la campagna vaccinale ha iniziato a correre e alcuni di noi possono sentirsi finalmente più tranquilli, dobbiamo essere ancora molto prudenti. Vogliamo ritornare tutti allo stadio per tifare ed applaudire insieme la nostra squadra del cuore: poterlo fare significa aver sconfitto il Covid-19 e forse nessuno più di noi bergamaschi sa quanto sia importante. Forza Atalanta, siamo sempre insieme a te!"

SPERANZA - Il primo cittadino ha parlato poi anche all'ANSA. "Non ho ancora deciso se andare a Reggio Emilia. Per la Dea è una occasione speciale. Vorremmo uscire dallo stadio con la Coppa in mano questa volta. La Juventus ha vinto talmente tanti di quei trofei da potersi permettere di perderne uno. In ogni caso sarà comunque il campo a decidere". Al netto di come finirà la gara, l'Atalanta si può già fregiare di essere l'unica squadra già in Champions. "A parte l'Inter siamo l'unica squadra certa di tornare in Champions League. Per una città di provincia come la nostra è una specie di favola che siamo lieti di continuare a vivere. Peraltro l'Atalanta ha una grande esempio di seria conduzione di società sportiva. Il club ha conti in ordine e quest'anno anche con delle buone  plusvalenze. A Bergamo  poi c'è una grande tradizione calcistica locale, si coltiva anche il calcio giovanile del territorio. Sono tantissimi aspetti positivi che trovano poi riscontro su una risultato straordinario sul campo. Per noi tre anni consecutivi in Champions League è un sogno da vivere.