Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Atalanta furiosa con Abisso. Gritti: “Finisce sempre così, forse l’Atalanta in alto dà fastidio”

Il vice di Gasperini fatica a digerire l'arbitraggio.

Redazione Il Posticipo

L'Atalanta non riesce ad approfittare della frenata della Fiorentina e non va oltre un pirotecnico 4-4 contro il Torino che diverte gli spettatori neutrali ma lascia, eccome, l'amaro in bocca alla Dea che dopo aver ribaltato lo svantaggio iniziale ha giocato una gara ad inseguimento che il secondo Gritti analizza ai microfoni di DAZN.

ABISSO- Una sfida che per certi versi fotografa il campionato dell'Atalanta specialmente in casa. Di buono c'è che questa squadra ha ancora carattere ed è assolutamente presente a se stessa. Il tecnico però sottolinea l'arbitraggio. "Chiaramente pensavamo di vincere ma sapevamo che il Toro ci avrebbe creato problemi. Nel primo gol probabilmente c'era un fallo, il nostro calciatore sostiene di essere stato sgambettato ed è difficile del resto pensare un giocatore cada da solo in questa situazione. Non ci sono riprese, ma solo immagini da lontano. Questo episodio ci ha messo la partita in salita e noi siamo stati bravissimi a raddrizzarla nuovamente ma poi è arrivato anche il rigore di Freuler che ci ha lasciato scontenti".

EPISODI - Un arbitraggio rigoroso, nel senso più pieno del termine. Quattro rigori e qualche decisione che il vice di Gasperini fatica a digerire. "Il rigore di Freuler mi sembra molto tirato io sarei andato a rivederlo. Non siamo felici dell'arbitraggio ed è un eufemismo. Ormai finisce sempre così, ci si trova a parlare di queste situazioni. Quest'anno ne abbiamo vissute parecchie, passate sotto silenzio. Forse perché siamo l'Atalanta, forse perché diamo fastidio se siamo fra le prime posizioni. Però ci hanno tolto dei punti. Punti che ci avrebbero dato la possibilità anche di lottare per traguardi più importanti e qualcosa in più ma purtroppo è andata così. Valutiamo queste situazioni con la consapevolezza che bisogna guardare avanti".