Assurdo in Spagna: un errore nel referto condanna a retrocedere…una squadra che neanche giocava!

Assurdo in Spagna: un errore nel referto condanna a retrocedere…una squadra che neanche giocava!

Si parla spesso di errori arbitrali e di quanto danneggino una delle due squadre in campo. Raramente si parla di quando certi errori creano problemi a club che la partita…non la giocano. Accade qualcosa di assurdo in Spagna.

di Redazione Il Posticipo

Una svista ci può stare. Certo, alla fine della partita, l’arbitro può rendersi conto di qualche errore fatto e ammetterlo onestamente. Di errori ce ne possono essere tanti: un rigore assegnato con troppa leggerezza o uno non assegnato; un gol annullato per una segnalazione di fuorigioco, magari oppure una rete convalidata nonostante un’irregolarità. Nei massimi campionati, si sta pian piano operando una grossa pulizia di questo tipo di accadimenti grazie alla VAR o alla Goal Line Technology. Ma cosa succede nelle serie inferiori? E per di più sull’insidacabile referto del direttore di gara? Beh, quello che è successo in Spagna ha davvero dell’assurdo: un club retrocede per colpa di un errore arbitrale commesso in una partita… tra altre due squadre.

SALVEZZA IMMERITATA – La partita tra Casablanca e Las Coloradas finisce ufficialmente 1-1… No, un momento. La partita sul campo finisce 1-2 per il Las Coloradas, ma il risultato finale riportato dall’arbitro sui documenti ufficiali della competizione regionale di Gran Canaria è di 1-1. L’arbitro, poco dopo, si è reso conto dell’errore ma il Comitato per la concorrenza della Federazione interinsulare del calcio Las Palmas, ricevuta la segnalazione, l’ha… ignorata e il risultato ufficiale risulta ancora come pareggio. Un punto immeritato, che salva dalla retrocessione il Casablanca e condanna una terza squadra, il CD Saucillo.

INGIUSTO – Già, perché si parla spesso degli effetti degli errori arbitrali sulle squadre che li subiscono direttamente in campo. Ma l’attribuzione di 0, 1 o 3 punti, effettivamente, fa tutta la differenza del mondo anche per altre squadre. Il che è proprio la disgrazia capitata al Saucillo. Sia Saucillo che Casablanca sono a 28 punti in classifica, ma questo è il punteggio attribuito dalla ‘svista’ dell’arbitro: in teoria, sarebbe il Casablanca a dover retrocedere perché quel punto in campo contro il Las Coloradas, non se l’è mai guadagnato. E invece, a parità di punti, il Casablanca si salva per la differenza reti. Marca, che racconta questa storia, dà anche voce alla rabbia dell’allenatore dei retrocessi ingiustamente: “In campo, noi siamo una squadra di Primera Regional ma non abbiamo potuto celebrare la permanenza per via dell’errore nella partita tra Casablanca e Coloradas e questo non è comprensibile quando lo stesso arbitro ha detto che il vero risultato era di 1-2. Questo non è giusto!“. Impossibile dargli torto. Ma il referto…è il referto!

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy