Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Arteta: “Sono ancora fiducioso”

BRIGHTON, ENGLAND - DECEMBER 29: Mikel Arteta, Manager of Arsenal gives his team instructions during the Premier League match between Brighton & Hove Albion and Arsenal at American Express Community Stadium on December 29, 2020 in Brighton, England. The match will be played without fans, behind closed doors as a Covid-19 precaution. (Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Una sconfitta quasi indolore per Arteta al termine di una semifinale di andata molto emozionante che lascia tutto aperto.

Redazione Il Posticipo

INCUBO - L'Arsenal ha vissuto un incubo in Spagna. La semifinale rischiava di essere compromessa, ma poi il 2-1 finale ha rimesso parzialmente in corsa i gunners. Mikel Arteta ha ancora buone possibilità di raggiungere la finale. E lo spiega a BT Sport: "Non volevamo venire qui e perdere, ma per come si è sviluppata la partita, dobbiamo comunque accettare il risultato. Credo che se si possa scegliere un risultato con cui perdere questo è probabilmente il migliore che potessimo ottenere. L'Arsenal ha giocato due partite diverse. Una a tempo. Abbiamo iniziato a essere noi solo nella ripresa, mentre nella prima frazione abbiamo vissuto diversi momenti di blackout. Nessuno inseguiva il pallone e l'avversario e non eravamo precisi in uscita. In poche parole, non avevamo abbastanza controllo".

GOL - Ci si aggrappa alla rete che può permettere all'Arenal con una rete di passare il turno e giocarsi con ogni probabilità una finale tutta inglese. "Ci siamo adattati molto bene in questa stagione, ma siamo consapevoli che dobbiamo fare molto di più perché non possiamo sempre fare affidamento sulle iniziative dei singoli. In questo senso, però, voglio spendere una parola per Leno, che è stato molto bravo, sul 2-0, nel salvare su Gerard Moreno. Un intervento che ci tiene in vita. Comunque anche noi abbiamo avuto una grande occasione con Auba per pareggiare la partita. Sono ancora fiducioso. Abbiamo ancora la  possibilità di vincere e passare il turno".