Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Arteta preso di mira dai tifosi e Ozil twitta il suo dispiacere… di libera interpretazione

L'unica certezza è legata al dispiacere di vedere l'Arsenal seppellito di reti e umiliato dal punto di vista tecnico e della classifica. Il resto... è liberamente interpretabile. 

Redazione Il Posticipo

Manita che brucia. I tifosi dell'Arsenal non la prendono affatto bene. Arteta, uscito a pezzi dal confronto con il suo maestro Guardiola,  è convinto di poter risalire la china, ma i numeri lo condannano. Tre partite, altrettante sconfitte. E le statistiche contro il City sono davvero complicate da giustificare. Perdere, si può. E va bene anche restare in dieci. Però chiudere una sfida subendo 25 tiri, di cui 10 in porta e con il 19% di possesso palla in totale, con punta del 91% nel secondo tempo a favore del City, è troppo da sopportare per i tifosi, scatenati sui social. Italiani e inglesi, dopo la finale di Wembley, tornano a unirsi: minimo comune denominatore, le accuse ad Arteta. Sul tavolo degli imputati e condannato dalla giuria popolare senza se e ma.

OZIL - Tantissimi ovviamente, i commenti più o meno ironici, ma spicca un "cinguettio" molto particolare. Quello di Mesut Ozil che con Arteta in panchina, ha chiuso definitivamente il suo rapporto con il club del North London. Il centrocampista tedesco esprime il proprio... dispiacere in modo discutibile. Nel senso che si presta a diverse interpretazioni.

tre parole "Fidati del processo". Seguire dall'emoticon del cuore spezzato. L'unica certezza è legata al dispiacere di vedere l'Arsenal seppellito di reti e umiliato dal punto di vista tecnico e della classifica. Il resto... è liberamente interpretabile.

 BRENTFORD, ENGLAND - AUGUST 13: Mikel Arteta, Manager of Arsenal reacts during the Premier League match between Brentford and Arsenal at Brentford Community Stadium on August 13, 2021 in Brentford, England. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)

DOPPIO SENSO - Il doppio senso della frase è evidente. Parole non scelte a caso. Trattasi, infatti, dello slogan che un'ampia parte della tifoseria dell'Arsenal ha coniato per dare al proprio allenatore, quando lo scorso anno ha attraversato un momento complicato finendo ai margini della zona retrocessione, più tempo nella ricostruzione tecnica del club.  Resta da capire però, se Ozil, bocciato dal tecnico prima di lasciare Londra per raggiungere il Fenerbahce nello scorso gennaio, stesse sinceramente appoggiando Arteta,  preso di mira da gran parte della fanbase oppure si sia preso gioco di lui.