Arteta: “Ho capito che avremmo vinto sull’autobus”

Il tecnico dell’Arsenal si gode la vittoria contro il Chelsea.

di Redazione Il Posticipo

Più che Santo Stefano, l’Arsenal festeggia una Pasqua anticipata. I gunners resuscitano nel boxing day. Arteta vince il derby e allontana lo spettro dell’esonero. L’Arsenal ritrova, al netto dello spavento finale, gol e vittoria contro il Chelsea. Tre punti che danno ossigeno a una classifica asfittica e rinsaldano la panchina del tecnico spagnolo. In pochi credevano in una resurrezione. Tranne l’allenatore spagnolo. Lui era sicuro di vincere, come ha spiegato il conferenza stampa. Le sue parole sono riprese da football London. 

AUTOBUS – Arteta ha capito che l’Arsenal avrebbe vinto nel viaggio di avvicinamento allo stadio. “Tutti hanno contribuito a questa vittoria. Me l’aspettavo. Quando i ragazzi sono saliti sull’autobus ho percepito l’energia e quanto desiderassero vincere. Avevo detto che non c’è niente di meglio che giocare un derby londinese nel boxing day. E che non dovevamo lasciarci sfuggire questa opportunità per cancellare tutte le cattive prestazioni delle ultime settimane. Contro il Chelsea aveva bisogno dei tre punti. Ci siamo riusciti e ne sono felice”.

PANCHINA – Una vittoria che serve soprattutto al tecnico. “Per noi questa è una vittoria davvero importante. I ragazzi sono felicissimi anche per i nostri tifosi che hanno vissuto settimane complicate. Purtroppo le buone prestazioni non sono sufficienti per vincere le partite di calcio. Avevamo bisogno dei punti e oggi li abbiamo conquistati contro una delle migliori squadre del campionato. E giocando in modo davvero convincente. Questo dimostra che siamo in grado di raggiungere livelli molto alti. Adesso serve rispondere a chi ritiene che questa squadra non abbia la necessaria continuità di rendimento”.

ASSETTO – L’Arsenal è sceso in campo con un mix di giovani ed esperti. Il mix ha pagato. “Sono contento, sia i giovani che i più esperti hanno reso secondo le aspettative. I ragazzi hanno dimostrato di essere pronti per giocare ad alti livelli. Come Xhaka. Fa errori come tutti, ma nessuno può mettere in discussione il suo impegno e la sua determinazione e penso che abbia dimostrato ancora una volta quanto tenga a questo club. Non avevo dubbi che proseguendo su questo percorso avremmo ottenuto delle risposte. Sono arrivate. Siamo stati tutti bravi”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy