Arsenal, Özil potrebbe lasciare ma intanto provoca su twitter…

Per scatenare polemiche in Inghilterra e non solo, bastano un nome e un cognome: Mesut Özil. La società lo vuole fuori dai piedi e lui risponde sul proprio profilo twitter.

di Redazione Il Posticipo

Per scatenare polemiche in Inghilterra e non solo, bastano un nome e un cognome: Mesut Özil. Nominare il trequartista apre letteralmente il vaso di Pandora: il giocatore più pagato dell’Arsenal non gioca più ed è finito addirittura fuori squadra. La società lo vuole fuori dai piedi e non è detto che bisogni aspettare gennaio perché avvenga. Nel frattempo, il tedesco si diverte a provocare su twitter, pubblicando una gif in cui è intento a… far finta di lavorare.

ALLA PORTA  Il post è divenuto immediatamente virale. E ha scatenato ovviamente i tifosi. C’è hi ci ride su e chi invece lo insulta per il suo scarso attaccamento alla maglia e anche al senso del dovere. Qualcuno gli intima di accettare la situazione e impegnarsi, piuttosto che polemizzare. All’Arsenal, invece, come riporta il Sun, non vedono l’ora che sloggi. Anche perché il suo costo del lavoro, circa 400 mila euro a settimana, incide e non poco. L’addio è solo questione di tempo: il contratto scade il prossimo giugno e quindi ci sono due strade. Aspettare. O liberarsene senza avere troppe pretese. Del resto, alcuni dei campionati più ricchi hanno ancora la finestra di mercato aperta. La MLS per esempio e quello del Qatar.

LE FINESTRE – Il trequartista tedesco di origini turche era stato indicato già nel 2019 come l’erede di Wayne Rooney ai DC United. Il club di MLS sembra seguirlo ancora e, ora a maggior ragione, l’affare sembra fattibile. Normalmente, il mercato statunitense si chiude alla seconda settimana d’agosto ma quest’anno, a causa del coronavirus è stata prorogata la chiusura al 29 ottobre. Un’altra pista calda è il Qatar, dove Özil potrebbe continuare a guadagnare bene e dove potrebbe approdare entro il 25 ottobre. Resta però il problema del contratto in scadenza. USA e Qatar sono ricchi, ma non ingenui: chi vuole Ozil sa bene che può averlo gratis a giugno. E con ogni probabilità l’Arsenal sarà costretto ad aspettare… e sopportare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy