Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Argentina, Rosario aspetta Messi, Di Maria e Correa dopo la festa a Buenos Aires

Argentina, Rosario aspetta Messi, Di Maria e Correa dopo la festa a Buenos Aires - immagine 1
I tre sono molto legati alle loro origini e amano trascorrono le vacanze fra la loro gente dunque tutto lascia credere che il progetto sia fattibile

Redazione Il Posticipo

Argentina in viaggio verso Buenos Aires, dove è già tutto pronto per la celebrazione degli eroi sportivi di ritorno dal Qatar. La capitale accoglierà i Campioni del Mondo all'Obelisco, simbolo della città e luogo ideale per l'abbraccio dei tifosi. Dopo, però, potrebbe esserci un seguito. A Rosario, città di Messi e Di Maria.

ATTESA

—  

Come riportato dal Clarin il sindaco di Rosario, Pablo Javkin, attende con ansia una risposta. Ovviamente positiva. Il primo cittadino è assolutamente convinto di poter ospitare Lionel Messi, Ángel Di María e Ángel Correa e che i tre giocatori originari della città sul fiume Paranà possano celebrare il titolo mondiale con i tifosi. Javkin ha anche dichiarato di aver già presentato il piano alla famiglia Messi, in modo che possa valutarlo. "Siamo contenti, ieri è stata una giornata meravigliosa. Credo che ci sia stata la mobilitazione più grande della storia di Rosario. Ci piace dire che siamo la capitale mondiale del calcio, ma ieri è stato confermato".

Argentina, Rosario aspetta Messi, Di Maria e Correa dopo la festa a Buenos Aires - immagine 1

ENTUSIASMO

—  

Come in ogni angolo dell'Argentina, l'entusiasmo è tangibile. A Rosario circa 700.000 persone su 1 milione di abitanti hanno festeggiato davanti al Monumento alla Bandiera. Javkin ha spiegato di non sapere quale sia il programma dei festeggiamenti a Buenos Aires, ma ha in programma di mettere la città di Rosario a disposizione dei giocatori in modo che possano scegliere cosa vogliono fare. Messi, Di María e Correa sono molto legati alle loro origini, e amano  trascorrere le vacanze fra la loro gente. Dunque tutto lascia credere che il progetto sia fattibile. "Abbiamo parlato con il governatore, il padre di Messi il signor Di Maria. Siamo perfettamente in grado di gestire il loro arrivo. Sarà trattato con lo stesso protocollo di sicurezza legato a una visita presidenziale. Abbiamo anche già individuato il luogo.  Lo spazio dove sorge il Monumento alla Bandiera è ampio".