Argentina, Tapia è categorico: “Non c’è una data né l’idea di giocare. E anche le qualificazioni mondiali non si giocheranno”

Il presidente della Federcalcio argentina chiude le porte a una riapertura a breve termine.

di Redazione Il Posticipo

L’Argentina si è fermata e non ha una data per ripartite. Tapia, presidente della Federcalcio chiude le porte a una riapertura a breve termine. E boccia anche l’idea di spostare la location delle partite. Le sue parole sono state riportate da Olè.

RIENTRO – In Argentina il numero dei contagi è un crescita e nel paese c’è preoccupazione anche per cosa accade nel resto del continente. In base ai dati, Tapia ritiene che lo stop vada prolungato sino a data da destinarsi. “Non abbiamo in programma una data per il ritorno al calcio, né c’è l’idea di farlo adesso. Sarebbe rischioso e non dobbiamo avere alcuna fretta. La priorità è la salute. Dobbiamo salvare vita ed essere certi di non correre rischi”. Il presidente, che sarà in carica sino al 2025 ha poi bocciato anche l’ipotesi di spostare l’epicentro del calcio argentino nell’entroterra del Paese.

FUTURO – Il rientro è dunque lontano: “Amo molto l’Argentina e mi piace molto il suo entroterra, ma l’idea di spostarsi a giocare da quelle parti è semplicemente folle. E comunque, non possiamo decidere nulla. L’AFA non ha voce nel determinare quando si tornerà a giocare. So bene che ci sono squadre e calciatori che non possono permettersi budget così alti in virtù della nuova realtà- Quando le autorità governative ci daranno il via libera per riprendere gli allenamenti, allora inizieremo a ragionare e discutere con il resto dei presidenti alla ricerca di una possibile soluzione”. Dubbi anche sulle attività della nazionale. Anche le qualificazioni sudamericane in vista del Qatar sembrano a forte rischio. E anche in questo caso Tapia lascia poco spazio alle interpretazioni. “Sono pessimista sull’inizio delle partite per il girone sudamericano per il Qatar 2022. Non credo che si giocheranno quest’anno. Il presidente della FIFA è a conoscenza dei problemi esistenti”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy