Argentina, Maradona potrebbe tornare ad allenare…

Argentina, Maradona potrebbe tornare ad allenare…

Non si muovono solo i calciatori. In Argentina il Gimnasia, dopo un avvio piuttosto deludente, si potrebbe affidare alle cure del d10s…

di Redazione Il Posticipo

Diego ci riprova: secondo quanto riportato da “Olè” Maradona sarebbe ormai vicinissimo al rientro in panchina dopo aver superato di slancio i postumi dell’intervento al ginocchio. Il percorso del Pibe de Oro potrebbe ripartire proprio dal campionato argentino…

GIMNASIA – In Superliga il Gimnasia non se la passa affatto bene: ultima in classifica dopo cinque giornate in cui ha totalizzato appena un punto. Quanto basta per mettere in forte discussione la permanenza del tecnico Dario Ortiz che appare in difficoltà. In questo senso l’idea sarebbe di offrire la panchina a Maradona. Un colpo che restituirebbe senza dubbio entusiasmo a un ambiente piuttosto depresso dopo il pessimo avvio di campionato.

DUBBI – Resterebbero, però, da sciogliere alcuni nodi: in primis, l’unanimità. Non tutta la dirigenza ritiene che Diego possa essere la soluzione giusta. Al netto del rientro mediatico, rimarrebbero in piedi anche altri nomi (come Falcioni) che, secondo il quotidiano, sarebbero più graditi alla CDA. L’ipotesi però resta in piedi. Anche perchè Olè riporta che Maradona sarebbe davvero felice di rientrare nel campionato argentino. Deve però convincersi di poter aiutare una squadra che sembra sull’orlo del precipizio dopo poche giornate.

ANELLO – Ci sarebbe, fra l’altro, un anello di congiunzione: il punto di contatto in questa trattativa è Cristian Bragarnik, molto vicino sia a Diego che alla dirigenza del Gimnasia. La sua mediazione, in questo senso, potrebbe essere decisiva. Insomma, il dado è tratto. Qualcuno potrebbe ironizzare: servirebbe la mano di d10s per il Gimnasia. Maradona sembrerebbe pronto a prendersi questa responsabilità, dopo aver stupito alla guida dei messicani del Dorados.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy