Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Argentina, De Paul: “La sconfitta con l’Arabia Saudita è stata positiva. Messi e Di Maria fondamentali”

Argentina, De Paul: “La sconfitta con l’Arabia Saudita è stata positiva. Messi e Di Maria fondamentali” - immagine 1
Il centrocampista dell'Atletico Madrid ha spiegato quanto sia stato importante... esordire con una sconfitta. 

Redazione Il Posticipo

Rodrigo De Paul non riesce ancora ad apprezzare il mondiale, ma vuole comunque vincerlo. Il centrocampista dell'Atletico Madrid, apparso in conferenza stampa prima dalla sfida con l'Australia, sfida da dentro o fuori per l'albiceleste ma che potrebbe anche aprire una autostrada verso le semifinali, ha spiegato quanto sia stato importante... esordire con una sconfitta.

ARABIA

—  

Un Mondiale iniziato in salita, ma De Paul ha apprezzato l'incredibile KO maturato contro l'Arabia Saudita. Un passo falso ampiamente assorbito nelle due gare successive.  "Abbiamo vissuto giorni difficili, ma la sconfitta con l'Arabia è stato un evento estremamente positivo per noi. Ci siamo trovati in una situazione a cui non eravamo abituati. Era da tanto che non perdevamo e si è visto il carattere, si è poutta apprezzare la forza del gruppo. Ci siamo riusciti a compattare e rialzarci immediatamente.  Eravamo consapevoli che non fosse un Mondiale facile, arrivare primi nel girone è un segnale e un valore importante. Giocare a intervalli così stretti non è un problema siamo abituati con i club. Contro l'Australia non ci sono scuse, mi immagino un tipo di partita molto simile a quella giocata con la Polonia. Ci stiamo concentrando esclusivamente sul recupero e studiamo gli avversari con i video".

TRASCINATORI

—  

Partita che si preannuncia sofferta ma per De Paul non è un problema. Aveva già detto di non riuscire a godersi il Mondiale, per la pressione e la tensione che comporta. E lo ha ribadito. "Ho iniziato ad apprezzare i risultati, ma ho trovato la totale serenità solo da poco, da quando è arrivata la mia famiglia. Ho già detto e lo ripeto che riuscirò ad apprezzare l'esperienza in Qatar quando sarà... finita. Nel frattempo conservo i primi ricordi. In questi ultimi giorni  Messi e Di Maria ci hanno aiutato molto, ci hanno spiegato l'importanza di vestire la maglia dell'Argentina, si sono assunti ogni tipo di responsabilità, ma anche noi dobbiamo assumerci le nostre. Sono loro che guidano questa nave, ma tutti dobbiamo essere in grado di dare il nostro contributo. Personalmente penso di essere in crescita anche perché per me giocare novanta minuti è sempre importante, mi aiuta a mantenere la forma fisica.