Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Argentina, arriva la decisione: stop sino al 31 marzo

Era nell'aria ed è accaduto. Anche l'Argentina si ferma. Niente calcio per le prossime due settimane.

Redazione Il Posticipo

Coronavirus, anche l'Argentina dice stop: il calcio all'interno del territorio nazionale si ferma, come riportato da Infobae, fino al 31 marzo . La decisione è stata presa in linea con la richiesta dei calciatori, dopo che l'ultima giornata è stata giocata in tutte le categorie a porte chiuse.

STOP -  La notizia era nell'aria dopo le nuove restrizioni del governo per contenere la pandemia legata al Covid-19. L' AFA aveva rinviato le competizioni a livello giovanile, ma aveva anche stabilito il calcio femminile e maschile si sarebbe continuato a giocare, a porte chiuse.  Tuttavia, la situazione si era già evoluta. I capitani delle squadre avevano programmato un incontro per mercoledì presso la sede dei calciatori argentini. E constato il consenso tra i protagonisti a decidere di non giocare, la procedura si è accelerata.

FINE MESE - La sospensione di tutte le attività per le prossime due giornate  è una misura temporanea, in attesa dell'evoluzione della situazione. Una scelta apparsa inevitabile anche in funzione di quanto accaduto nell'ultimo weekend, quando la disputa della prima giornata della Super League Cup, ha registrato il clamoroso "no" del River che ha scelto di non giocare contro l'Atlético Tucumán. Una decisione unilaterale che aveva sollevato diverse polemiche.  Secondo quanto riportato da Infobae, sia i giocatori che gli allenatori concordano con la misura. “Abbiamo già parlato con il 90% dei giocatori di calcio tra ieri e oggi. Rispetteremo la sua decisione, come è sempre successo ”, ha dichiarato Sergio Marchi, capo dell'AFA. Pertanto, le ultime due partite che si giocheranno saranno Lanús-Argentinos e Central Colón.