Ansu Fati, il nuovo Messi…che fa ombra al vecchio: “Leo non ci serve più. Non è che voleva fuggire per questo?”

Ansu Fati, il nuovo Messi…che fa ombra al vecchio: “Leo non ci serve più. Non è che voleva fuggire per questo?”

Talento pazzesco, record di precocità infranti con facilità e una fiducia in se stesso che…fa paura a Luis Enrique. Normale dunque che molti abbiano già sentenziato: Ansu Fati è il “nuovo Messi”. E che si fa con quello vecchio? A Barcellona sperano di vederli assieme, ma qualcuno ce l’ha con la Pulce!

di Redazione Il Posticipo

Talento pazzesco, record di precocità infranti con facilità e una fiducia in se stesso che…fa persino paura a Luis Enrique. Normale dunque che dalle parti di Barcellona molti abbiano già sentenziato: Ansu Fati è il “nuovo Messi”. Non che sia un’etichetta facile da sopportare e forse non porta poi neanche così fortuna (chiedere a Bojan Krkic per informazioni), ma è evidente che il futuro della squadra blaugrana, al momento in preda a un caos societario senza precedenti, sia legato a quello del ragazzino nato in Guinea-Bissau, che ha appena segnato il suo primo gol con la maglia delle Furie Rosse nel 4-0 spagnolo all’Ucraina.

NUOVO MESSI – E se c’è il nuovo Messi, che si fa con…quello vecchio? L’eco delle polemiche per il possibile e poi sventato addio della Pulce risuona ancora in tutta Barcellona e qualcuno prende la palla al balzo per impartire una vera e propria lezione di umiltà all’argentino. Certo, la maggior parte dei tifosi blaugrana è felicissima di vedere Ansu Fati crescere accanto a Leo, con la consapevolezza che a breve ci sarà lo scambio delle consegne tra i due fenomeni. Ma più di qualcuno sui social arriva a sostenere che, con un Ansu Fati così, persino perdere il sei volte Pallone d’Oro non sarebbe un dramma: “Adesso Messi non ci serve più”.

RONNY E O NEY – Non è un parere poi così isolato. Il caso che ha coinvolto Leo e la società ha lasciato ferite profonde in una tifoseria che per qualche giorno si è sentita tradita dal suo idolo. E qualcuno, tra il serio e il faceto, sospetta che la voglia di fuga della Pulce fosse una necessità…come quella di Neymar qualche anno fa: “E se Messi stesse cercando di andarsene per evitare di vedere Ansu Fati fargli ombra?”. A proposito di paragoni, non passa inosservato quello con un’altra leggenda blaugrana: “Messi con Ansu farà come Ronaldinho”. Ovvero, andarsene e cedergli la numero 10 una volta che ha capito di essere il passato. E ora, con una nuova stella all’orizzonte che sta raggiungendo la consacrazione internazionale, il futuro fa meno paura. Persino senza Leo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy