Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ansu Fati, altro stop: il baby fenomeno tornerà a giocare a ottobre

BARCELONA, SPAIN - DECEMBER 08: The injured Ansu Fati of Barcelona looks on from the stands during the UEFA Champions League Group G stage match between FC Barcelona and Juventus at Camp Nou on December 08, 2020 in Barcelona, Spain. Sporting stadiums around Spain remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors. (Photo by David Ramos/Getty Images)

Il ragazzo non è pronto. Tuttavia, tutto lascia credere che in Catalogna occorrerà aspettare ancora qualche giorno prima del rientro tanto atteso.

Redazione Il Posticipo

Ancora un po' di pazienza. Il ritorno di Ansu Fati, come riportato da AS, è rimandato di qualche settimana. Il baby fenomeno del Barcellona è quasi pronto, ma si procede con cautela. All'interno del club si era cerchiata in rosso sul calendario il 20 settembre. Tuttavia, tutto lascia credere che in Catalogna occorrerà aspettare ancora qualche giorno prima del rientro tanto atteso.

INDIZIO  - Il ragazzo non è pronto. La prova inconfutabile che Fati ha ancora molta strada da fare per tornare sui campi è legata alla sua assenza nell'amichevole che la squadra ha giocato questo mercoledì contro El Prat. Tutto come da programma: Ansu ha bisogno di tante altre sessioni di allenamento. E come riportato oltre i Pirenei, servirà dunque ancora qualche settimana di tempo. In questo momento, la sensazione è che possa essere disponibile ad ottobre, dopo la pausa legata agli impegni internazionali. Ciò significa che Koeman dovrà farne a meno contro Bayern, Granada, Cadice, Levante, Benfica e Atlético de Madrid .

PRIORITARIO - L'indicazione è arrivata direttamente dal tecnico olandese. L'allenatore ha spiegato che nel caso di Fati la priorità non è il rimetterlo il prima possibile in campo, ma essere certi del suo recupero al cento per cento perché. A questo punto, l'appuntamento, con tutti i condizionali del mondo, dovrebbe essere in occasione della sfida contro il Valencia al Camp Nou del 17 ottobre. Quasi un anno dopo l'infortunio al menisco e i percorso di  tribolazioni, operazioni, ricadute e lacrime. Ecco perché si è scelta la linea dell'attesa: Ansu Fati tornerà solo quando sarà al 100%, fisicamente e mentalmente.

PRUDENZA - La parola d'ordine, dunque, è prudenza, legata alla consapevolezza che potrebbero esserci alcuni stop legati a piccoli problemi muscolari. Normale, dopo essere stato fermo per così tanto tempo, ma spera di tornare ad essere se stesso. In Catalogna ne sono convinti: il club, che si è privato di Messi e Griezmann, ha delle grandissime speranze riposte in lui. Adesso occorre pazienza, ma se sta bene, se il suo ginocchio risponde, è un giocatore che può fare la differenza. E raccogliere l'eredità di Messi. Pesante, ma il ragazzino, fisico permettendo, ha tutti i mezzi per prendersela.