Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli: “Un punto è il minimo, dopo questa gara. Arbitraggio? Se vi sono disparità, infastidisce”

Andreazzoli: “Un punto è il minimo, dopo questa gara. Arbitraggio? Se vi sono disparità, infastidisce” - immagine 1

Il tecnico accetta il risultato del campo ma ha qualche recriminazione sul gol dei padroni di casa.

Redazione Il Posticipo

Sfida a due facce al Penzo dove l'Empoli crea e il Venezia concretizza. La squadra di Andreazzoli prende in mano la partita, soprattutto nei primi 45' di gioco. Poi però non la chiude, subisce il gol del Venezia e torna a casa con un pareggio che lascia in eredità la sensazione di aver perso punti anziché averne guadagnato uno. Il tecnico analizza la sfida ai microfoni di DAZN.

IMPRECISI - L'Empoli ha confermato pregi e difetti. I numeri dicono che il risultato non è premiante in relazione alle occasioni create. Il calcio però non è statistica ma anche imprecisione e sfortuna. E la squadra non si è fatta mancare né l'una né l'altra. "Nel primo tempo si potevano realizzare quattro o cinque gol ma si è giocato un calcio che mi è piaciuto molto. I ragazzi hanno interpretato la gara in scioltezza ma se mantieni la partita aperta è evidente che una squadra come il Venezia, che ha bisogno disperato di punti mette di più di quel che ha in campo e torna in partita".

EPISODIO - Andreazzoli accetta il risultato del campo ma ha qualche recriminazione sul gol dei padroni di casa. "Noi ci siamo persi un po' nel palleggio e nelle misure e il gol che abbiamo subito è evitabile, anche perché lo abbiamo subito in dieci e senza aver sentito il fischio dell'arbitro. L'episodio non ci lasica sereni ma siamo soddisfatti. Capisco che il lavoro dell'arbitro sia difficile ma se le interpretazioni sono confusionarie, emerge il disappunto. Se iniziano esserci delle disparità, seppur non volute, la cosa infastidisce".

Andreazzoli: “Un punto è il minimo, dopo questa gara. Arbitraggio? Se vi sono disparità, infastidisce” - immagine 1

SODDISFATTO - Il tecnico in ogni caso si tiene il risultato. Empoli ben lontano dalla zona calda e che continua a mettere in mostra una proposta di calcio apprezzabile. "Un punto è il minimo che ci potesse dare questa gara ma comunque abbiamo mosso la classifica cancellando anche la strana prestazione della sfida precedente, mostrando carattere. L'estetica è molto importante perché da forza e consapevolezza ai ragazzi ma va legata alla produttività".