Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli strizza l’occhio all’Empoli: “Non riesco a darmi un voto ma mi piacerebbe continuare insieme”

Fine stagione tempo di bilancio. Resta anche da capire quale sarà il futuro del tecnico.

Redazione Il Posticipo

Andreazzoli a Bergamo per giocarsi l'ultima sfida di campionato con il suo Empoli. Forse, l'ultima  in assoluto dopo una stagione chiusa con una salvezza aritmetica a tre giornate dal termine ma di fatto conquistata nel girone d'andata. Il tecnico è intervenuto in conferenza stampa alla vigilia della sfida con l'Atalanta per fare il punto sulla stagione.

PECCATO - L'allenatore toscano appare quasi dispiaciuto. "Da una parte abbiamo bisogno di riposare e stare un po' con la famiglia perché la stagione è stata davvero molto lunga. Dall'alta però rimane un pizzico di rammarico e dispiacere nell'abbandonare un lavoro e un percorso che hanno preso una certa piega. Resta comunque da giocare una partita seria contro una squadra che ha delle motivazioni evidentemente diverse dalle nostre ma alle quali dovremo rispondere. Credo che ribadire questo concetto sia assurdo. Nello sport ognuno dovrebbe sempre dare il massimo per avere la meglio sull'avversario ma capita a volte che altre esigenze abbiano la meglio".

Andreazzoli strizza l’occhio all’Empoli: “Non riesco a darmi un voto ma mi piacerebbe continuare insieme”- immagine 1

FUTURO - Fine stagione tempo di bilancio. Resta anche da capire quale sarà il futuro del tecnico. "I giocatori mi hanno regalato una targa con scritto favolA. Credo sia la parola giusta che ha rappresentato l'inizio e la fine di questa stagione. La squadra ha immediatamente trovato sintonia e coltivato l'ambizione di giocare un calcio propositivo. Per quanto riguarda il futuro cambiare, interrompere o continuare rinnovandosi rappresentano tutte dinamiche che fanno parte del nostro mestiere. Se dovessi valutare la mia annata, sono sincero, non riesco a darmi un giudizio. Io e lo staff ci siamo dati parecchio da fare e credo anche con un certo costrutto. Di certo qui ad Empoli e con il club c'è grande sintonia, anche con il direttore sportivo. Mi piacerebbe continuare a lavorare insieme. Quando tutto sarà finito ci incontreremo e, in modo assolutamente familiare e non appena il presidente sarà disponibile, ci confronteremo con grande serenità come è sempre stato".