Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli: “Non è successo per caso, avevo chiesto una sfida da raccontare ai nipoti. Il mio la vedrà…”

MILAN, ITALY - MARCH 12: Head coach of Empoli FC Aurelio Andreazzoli reacts during the Serie A match between AC Milan and Empoli FC at Stadio Giuseppe Meazza on March 12, 2022 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/AC Milan via Getty Images)

Vittoria e rimonta straordinaria. Salvezza a un passo.

Redazione Il Posticipo

L'Empoli non vinceva in serie A da quando aveva affrontato il Napoli. E quando ha visto da vicino il baratro è tornato a conquistare i tre punti proprio contro gli azzurri. Andreazzoli si avvicina alla salvezza spegnendo i sogni scudetti dell'amico Spalletti. Le parole del tecnico sono riprese da DAZN.

RISPOSTA - L'Empoli ha fornito una riposta straordinaria nel momento più difficile della stagione. All'80' era sotto di due gol, al triplice fischio finale è praticamente salvo. "Era importante giocare una partita del genere. Ci siamo presi anche diversi rischi nell'uno contro uno ma la squadra ha sempre giocato con volontà e piacere di sacrificarsi perché è abituata a farlo. Al di là della gara e degli aspetti tecnici oggi c'è stato un insieme di emozioni che fanno bene alla mente e forse un po' male al cuore ma alla fine si lavora anche per questo. Auguro a tutti di provare quello che ho provato oggi".

MILAN, ITALY - MARCH 12: Head coach of Empoli FC Aurelio Andreazzoli reacts during the Serie A match between AC Milan and Empoli FC at Stadio Giuseppe Meazza on March 12, 2022 in Milan, Italy. (Photo by Claudio Villa/AC Milan via Getty Images)

LUCIDO - Impressionante la lucidità della squadra, capace di non perdere la testa quando si è trovata sotto di due reti e di andare comunque a cercare e trovare la vittoria dopo aver ottenuto il pareggio. "Le cose non accadono per caso. Ci eravamo imposti di cancellare il primo tempo e vincere il secondo. Avevo chiesto una partita da raccontare a figli e nipoti. E la farò vedere anche al mio con enorme soddisfazione. Vorrei sottolineare anche la spinta del nostro pubblico che ha partecipato moltissimo alle nostre sorti senza mai rompere le scatole pur non avendo avuto grandi gioie in casa. Sono davvero felice per loro". Adesso gli toccherà consolare anche Luciano Spalletti. "Non credo, mi vuol bene, sarà contento della mia felicità. Mi è già successo di incontrarci, lui ha vinto, è andato in Champions e io sono retrocesso. Il giochino è anche questo. Dalle mie parti si dice un po' per uno in braccio alla mamma".