Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli non ci sta: “Le decisioni alla fine pesano, chi non ha sensibilità cambi mestiere”

EMPOLI, ITALY - SEPTEMBER 11: Aurelio Andreazzoli manager of Empoli FC gestures during the Serie A match between Empoli FC and Venezia FC at Stadio Carlo Castellani on September 11, 2021 in Empoli, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Derby appannaggio della viola. L'Empoli scopre la paura. Andreazzoli però ha delle recriminazioni.

Redazione Il Posticipo

La Fiorentina batte l'Empoli, vendica la sconfitta dell'andata resta in corsa per l'Europa e lascia la squadra ospite ancora a secco di vittorie nel 2022. Derby destinato a far discutere per l'espulsione di Luperto. Andreazzoli analizza la sfida ai microfoni di Sky Sport.

EPISODI- Decisivi una serie di episodi. Il secondo giallo di Luperto e il gol annullato per fallo di Pinamonti.  I dubbi sul rosso sono legati alla prima ammonizione dell'esterno. La certezza è che, rimasto in dieci, l'Empoli ha subito immediatamente la rete che ha deciso la partita. "Sono le forze in campo che decidono ma anche i fatti. La prima ammonizione è decisiva. Ero a due metri e ho visto benissimo che il fallo era, al massimo al contrario. Anche il quarto uomo sembrava della mia opinione. Queste situazioni alla fine pesano. E incidono sul risultato finale. Non ci è stata permessa neanche l'ultima giocata chi non ha sensibilità deve cambiare mestiere. Non capisco perché fischiare prima della fine. Non sarebbe successo probabilmente nulla ma perlomeno proviamo a giocarla".

EMPOLI, ITALY - SEPTEMBER 11: Aurelio Andreazzoli manager of Empoli FC gestures during the Serie A match between Empoli FC and Venezia FC at Stadio Carlo Castellani on September 11, 2021 in Empoli, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

GIOCATA - L'Empoli se l'è comunque giocata, rimanendo in partita sino al fischio finale ma non è riuscito a creare pericoli. In parità numerica però la squadra ha creato.  "Già dura affrontare la Fiorentina in undici, in 10 è davvero dura. Non ho nulla da rimproverare ai miei ragazzi, ma tornando alla sensibilità noi abbiamo buttato fuori il pallone con Nico Gonzales fuori, i nostri avversari non si sono comportati allo stesso modo. Premesso questo, potevamo essere un po' più lucidi e attenti nelle giocate".

PROSPETTIVE  - La vittoria dello Spezia sul Venezia aiuta, ma la sensazione è che la squadra possa infilarsi in una spirale pericolosa dopo uno straordinario girone d'andata. "Il girone di ritorno è sempre più difficile. Noi andiamo sempre in campo con la stessa voglia e determinazione e dal punto di vista delle prestazioni la squadra ha offerto anche qualcosa in più rispetto all'andata ma evidentemente non stiamo raccogliendo".