Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli: “La stima ricevuta fa piacere, ma rispetto alla Lazio non siamo della stessa categoria…”

FLORENCE, ITALY - FEBRUARY 03: Aurelio Andreazzoli during the "Panchina D'Oro Prize" award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on February 3, 2020 in Florence, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Tra casi di positività al Covid, voci di mercato e una partita d'andata da cui trarre i dovuti insegnamenti, Andreazzoli affronta il match contro la Lazio con il solito spirito.

Redazione Il Posticipo

Dopo un girone d'andata da neopromossa terribile, l'Empoli affronta la prima partita del girone di ritorno a Roma contro la Lazio. Tra casi di positività al Covid, voci di mercato e una partita d'andata da cui trarre i dovuti insegnamenti, in conferenza stampa Andreazzoli affronta il match con il solito spirito.

SITUAZIONE COVID - A partire dalle problematiche sanitarie, che ovviamente colpiscono anche il calcio. “Viviamo la situazione con lo stesso disagio con cui la stanno vivendo tutti i cittadini. Chi lo soffre particolarmente sono i nostri medici, indaffarati per tappare falle da tutte le parti. Siamo tornati assumendo ancora di più le precauzioni che servono e quindi purtroppo viaggiamo sempre con addosso la mascherina. Chiaramente è un disagio per tutti, una situazione con cui dobbiamo convivere, ma è un peccato essere tornati a questa situazione". Che va anche a inficiare sulla preparazione al match, perchè l'Empoli ha visto qualcuno rientrare con il tampone positivo. “Abbiamo avuto tre casi ma abbiamo lavorato come se ci fossero tutti. Dobbiamo fare di necessità virtù. E quindi è chiaro che dobbiamo fare delle considerazioni per la gara di domani”.

LA LAZIO - Il lavoro, quindi, non è mancato. "Noi abbiamo fatto tutto al massimo, come sempre. Abbiamo anche fatto un giorno in meno di ferie per non abbassare l'attenzione, sia mentale che fisica. I ragazzi si sono ripresentati bene, poi ce lo dirà il campo se siamo pronti. E ce lo diranno gli avversari". All'andata, la Lazio ha vinto a Empoli. Era fine agosto, un altro momento, ma da quella partita c'è solo da imparare. "Sarebbe una mancanza notevole se non facessimo attenzione a quello che è successo e che non cercassimo di trovare dei vantaggi o quantomeno di limitare i difetti mostrati". Ma nonostante i complimenti ricevuti da Sarri all'andata e una classifica che parla solo di quattro punti di differenza, guai a pensare troppo bene di se stessi. "Rispetto a loro non siamo della stessa categoria, anche se la stima ci fa piacere". La chiusura è sulle voci di mercato, che vedono molti dei gioiellini dell'Empoli protagonisti. " “Io ne farei a meno, perché sono molto soddisfatto di tutti, però capisco le dinamiche della questione e capisco che ci sono dei club che hanno bisogno di intervenire. E per certi versi le voci fanno piacere, perchè danno lustro al lavoro fatto". Se poi i suoi dovessero rimanere...ancora meglio!