Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli: “Il derby è speciale, ma penso alla classifica. Loro sono più forti, ma li abbiamo già battuti”

FLORENCE, ITALY - FEBRUARY 03: Aurelio Andreazzoli during the "Panchina D'Oro Prize" award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on February 3, 2020 in Florence, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

Tra le partite che hanno segnato indelebilmente lo splendido girone di andata dell'Empoli c'è stato il derby con la Fiorentina, vinto in rimonta per 2-1. Ma in conferenza stampa il tecnico allontana il fattore campanilistico.

Redazione Il Posticipo

Ancora abbastanza in alto in classifica da non doversi preoccupare troppo, ma allo stesso tempo alla ricerca di una vittoria che ormai manca dallo scorso anno. La situazione dell'Empoli di Aurelio Andreazzoli è a due facce. La prima, quella della graduatoria, parla di un tredicesimo posto che non può non far contento chi a inizio stagione forse pronosticava un'annata complicata in cui flirtare con la retrocessione. La seconda, quella delle prestazioni, lascia sicuramente l'amaro in bocca perchè dopo un girone d'andata clamoroso i toscani hanno fatto una brusca frenata. E tra le partite che hanno segnato indelebilmente quel periodo splendido c'è stato il derby con la Fiorentina, vinto in rimonta per 2-1. Ma in conferenza stampa il tecnico allontana il fattore campanilistico.

FIORENTINA - "Ovvio, il derby è una partita diversa dalle altre, ma quello che ci interessa principalmente è la classifica. È un derby, ma anche una partita che va affrontata sapendo che loro sono più forti, noi ci metteremo tutte le energie per batterli e ripetere quello che abbiamo già fatto". Ovvero battere la squadra di Italiano. Un precedente che non può suggerire che l'Empoli sa come sorprendere i viola. "Sì, è una gara aperta e lo dimostra il fatto che all'andata siamo stati di pari livello, anche quando abbiamo dovuto recuperare il punteggio. A noi però manca qualcosa dal punto di vista della qualità individuale e dell'esperienza. Giochiamo in uno stadio che mi piace, che spero di vedere pieno, una bella cornice"

GIOVANI - L'Empoli è una delle squadre che storicamente lancia più giovani dal vivaio e in un momento in cui il calcio italiano si lecca le ferite dopo il secondo mondiale consecutivo mancato, la strategia dei toscani e dei loro talenti come Ricci (già volato al Torino), Parisi e Viti sembra la strada giusta per una ripresa. Per utilizzo di calciatori tricolori, l'Empoli è...prima in classifca. Andreazzoli però non si sente un esempio. "Cerchiamo di fare del nostro meglio, indipendentemente dalla nazionalità e dall'età dei calciatori, dobbiamo giocare il campionato con gli elementi che abbiamo. Una ricetta per cambiare le cose non ce l'ho, sarebbe il caso di ascoltare chi lavora nelle giovanili nazionali". Ma intanto, con i suoi giovani italiani l'Empoli il suo campionato...si avvicina a vincerlo.