Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreazzoli: “Critiche esagerate l’Empoli non deve andare in Champions”

EMPOLI, ITALY - SEPTEMBER 11: Aurelio Andreazzoli manager of Empoli FC gestures during the Serie A match between Empoli FC and Venezia FC at Stadio Carlo Castellani on September 11, 2021 in Empoli, Italy.  (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

In conferenza stampa il tecnico analizza le difficoltà legate a un match in cui i toscani hanno poco o nulla da perdere e difende il lavoro svolto sinora. 

Redazione Il Posticipo

Empoli chiamato a una nuova impresa. I toscani vanno a caccia di una vittoria che potrebbe ipotecare la salvezza. Dopo aver vinto in casa di  Napoli e Juventus, Andreazzoli va a caccia di un risultato positivo a san Siro contro il Milan capolista.  In conferenza stampa il tecnico analizza le difficoltà legate a un match in cui i toscani hanno poco o nulla da perdere e difende il lavoro svolto sinora.

CAPOLISTA - Il Milan è capolista e con il morale alle stelle. "Il divario fra le due squadre è molto alto. All'andata il Milan era a quattro punti dalla testa della classifica. Al ritorno è al comando, significa che sono cresciuti moltissimo. Noi proveremo a esaltare le nostre qualità nascondendo i difetti. Prima di una partita ho sempre buone sensazioni. Non vi è motivo per essere contenti di questo gruppo che non ha bisogno di particolari stimoli per lavorare. Cercheremo di fare il massimo possibile sia a livello di squadra che di individualità. Non sapendo se basterà. Di certo dovremo essere assistiti anche da un pizzico di fortuna e sperare che i rossoneri non siano nella loro giornata migliore".

 FLORENCE, ITALY - FEBRUARY 03: Aurelio Andreazzoli during the "Panchina D'Oro Prize" award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on February 3, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

SACRIFICIO - Classica sfida in cui l'Empoli ha tutto da guadagnare. La squadra fra l'altro ha mostrato anche spirito di adattamento, lottando con il coltello fra i denti come accaduto a Genova. "I ragazzi hanno accumulato esperienza, mi è dispiaciuto che la sfida contro il Genoa sia stata letta in un connotato negativo. Se la squadra ha imparato a lottare e a metterla sul piano agonistico e non solo tecnico non è un difetto. Anzi è una importante presa di coscienza. A volte il barile va raschiato. La classifica è buona e non ha bisogno di certi aggettivi negativi che ha usato qualcuno questa settimana, perché altrimenti significa che abbiamo perso coscienza di chi siamo. La critica deve essere giusta nei nostri confronti. Sembra che l'Empoli debba andare in Champions, quindi diamoci una regolatina tutti quanti".