Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Andreas Pereira chiede aiuto su twitter per Call of Duty, e finisce… sotto attacco

Andreas Pereira, trequartista del Manchester United twitta per un problema sul server di Call of Duty. E i tifosi lo inondano di critiche.

Redazione Il Posticipo

Anche i giocatori hanno diritto alla loro normalità. Come nel caso di Andreas Pereira. Il trequartista del Manchester United ha twittato per avere dei chiarimenti su un problema relativo a Call of Duty. Basta e avanza per scatenare gli haters, Diversi tifosi lo hanno inondato di critiche per il suo rendimento. Lui, però, risponde a tono.

GUERRA -  Sia chiaro, il ragazzo non sta rendendo secondo le aspettative. I tifosi si aspettavano di più: legittimo, considerando le qualità di base di un calciatore che ha, anzi, avrebbe tutto per essere uno dei migliori registi offensivi della Premier. In stagione Solskjaer gli ha dato diverse opportunità, ma non è mai riuscito a trovargli una collocazione definitiva. E Pereira si è un po' perso fra fascia e trequarti. Lo scorse è solo di due gol stagionali e i tifosi rispondono al suo tweet "Server di Warzone: cosa succede?" in maniera un po' troppo dura.

NESSUNO - "Forse va come te in campo", "Troppo rumore per un giocatore che ha giocato in 8 posizioni diverse e non è servito a nulla in nessuna di queste. Spero aiuti". Il ragazzo, già in passato nel mirino delle critiche sui social media, si è stancato e comincia a rispondere. "Non importa a nessuno di cosa twitti", aggiungendo alla risposta al secondo utente un sarcastico quel suo stesso "Spero sia di aiuto", forma che spesso si usa nei forum quando si chiedono informazioni riguardo a bug e malfunzionamenti. L'esperienza allo United appare comunque agli sgoccioli. Il centrocampista offensivo  piace a Everton, West Ham e Newcastle. E lo United lo inserire in qualche trattativa per fare cassa e  finanziare un altro colpo a centrocampo. Gli obiettivi sono noti: uno fra Havertz e Van De Beek. E chi sa, a questo punto, che il problema dei server di Call of Duty di Pereira non si risolva... con un trasloco.