calcio

Andrè Silva, Paquetà e gli altri: in Italia incompresi, all’estero al top

Andrè Silva è stato uno dei più grandi flop della recente storia del Milan. Ma lontano dalla Serie A ha saputo dimostrare le sue doti. Il nostro campionato spesso boccia senza pietà calciatori che poi tornano a brillare altrove...

Redazione Il Posticipo

BERLIN, GERMANY - NOVEMBER 28: Andre Silva of Eintracht Frankfurt celebrates after scoring his team's first goal during the Bundesliga match between 1. FC Union Berlin and Eintracht Frankfurt at Stadion An der Alten Foersterei on November 28, 2020 in Berlin, Germany. Football Stadiums around Europe remain empty due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in fixtures being played behind closed doors. (Photo by Maja Hitij/Getty Images)

Ogni volta che AndrèSilva va in gol, un tifoso milanista si pone di nuovo lo stesso interrogativo: ma qual è quello vero? Quello visto in Italia ha deluso, nonostante sia stato pagato tantissimo dal Milan. Quello che gioca in Germania, dopo un anno di ambientamento, è finalmente tornato a vedere la porta con continuità: per lui in questa stagione già 26 gol in 31 partite con l'Eintracht Francoforte, sei dei quali nelle ultime sei sfide di Bundesliga. E il portoghese ne ha già fatti più di quanti (10) ne ha realizzati in 41 presenze in rossonero. E adesso lo vuole addirittura il Real Madrid. Un mistero, dunque: flop o top, chi ha ragione? Complicato a dirsi. E del resto, la Serie A boccia senza pietà anche calciatori che poi, una volta lasciata l'Italia, tornano a dimostrare il proprio valore.

Potresti esserti perso