Ancora panchina per De Ligt, altri attacchi dalla Spagna: “Una sparizione allarmante”

Ancora panchina per De Ligt, altri attacchi dalla Spagna: “Una sparizione allarmante”

Da quando De Ligt ha scelto la Juventus, snobbando il Barcellona, i media spagnoli si divertono a stuzzicare l’olandese. E il fatto che il centrale non giochi una partita da titolare dal 7 dicembre, con Demiral schierato al posto suo, mostra il fianco e fa ripartire gli attacchi…

di Redazione Il Posticipo

Da quando De Ligt ha scelto la Juventus, snobbando il Barcellona, i media spagnoli si divertono a stuzzicare l’olandese. L’inizio di stagione balbettante, con più di qualche errore e gli ormai celebri falli di mano, ha fatto parecchio parlare. Poi, con il passare delle settimane, le prestazioni del difensore di Sarri sembravano aver messo a tacere le critiche. Ma il fatto che l’olandese non giochi una partita da titolare ormai dal 7 dicembre, con Demiral schierato al posto suo, mostra il fianco e fa ripartire gli attacchi. E, con malcelata soddisfazione, arriva un’altra punzecchiata non da poco nei confronti del giocatore della Juventus. Ad andare all’attacco è AS.

RIASSUNTO – Che fa un riassunto del momento dell’olandese intitolandolo “L’allarmante sparizione di De Ligt”. Il quotidiano spagnolo sottolinea che tutto è iniziato dal match di campionato contro la Lazio, in cui l’olandese non è sembrato irreprensibile. Dopodichè, tra Champions (il match comunque inutile contro il Bayer Leverkusen), campionato (15 minuti con l’Udinese, 0 con Samp e Cagliari) e Supercoppa (panchina nella seconda sconfitta stagionale contro la Lazio), il centrale acquistato dall’Ajax sembra sparito dai radar. E partono immediatamente i paragoni con la scorsa stagione, quando De Ligt era il perno dei Lancieri arrivati a un passo dalla semifinale di Champions: “Dal giocare più del 95% delle partite lo scorso anno ad essere escluso dall’undici titolare per parecchie settimane consecutive”.

SARRI – Insomma, in Spagna cercano di costruire il caso. Sarri, dal canto suo, ha spiegato in conferenza stampa perchè l’olandese non si vede troppo di frequente in questo periodo. Questione di turnover, dopo un periodo che secondo il tecnico non può essere stato semplice per il suo giovanissimo difensore centrale. “Sono il primo a essere convintissimo che De Ligt diventerà uno dei difensori più forti del mondo. Ha fatto un percorso devastante perché ha dovuto imparare una nuova cultura, un nuovo modo di giocare, una nuova lingua. Demiral in questo momento sprizza energia, è in grande saluta fisica e mentale. Mi sembra giusto sfruttare i giocatori in relazione al momento che hanno”. Ma dopo il no estivo al Barcellona, ogni occasione è buona per attaccare l’olandese…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy