Anche Verratti chiama Messi al PSG: “Giocare con lui sarebbe magnifico, l’ennesimo regalo che mi fa il calcio”

L’assalto senza fine dei francesi, che tutti a Parigi sperano risulti vincente, è quello a Leo Messi. Più il Barcellona ripete che parlare della Pulce è una mancanza di rispetto, più dal Parco dei Principi arrivano dichiarazioni al riguardo. E stavolta tocca a Verratti.

di Redazione Il Posticipo

Chi la dura, la vince. Potrebbe essere questo il motto del Paris Saint-Germain e non troppo per quello che riguarda il campo. Di duro nel match contro il Marsiglia, ormai orfano di Villas-Boas e in preda a una crisi di risultati…e di nervi, non c’è assolutamente nulla. Pratica risolta in 24 minuti con le reti di Mbappè e Icardi (su assist di Florenzi) e non c’è neanche troppo bisogno di Neymar, che pure a metà ripresa entra al posto di Maurito. No, l’assalto senza fine, che tutti sperano risulti vincente, è quello a Leo Messi. Più il Barcellona ripete che parlare della Pulce è una mancanza di rispetto, più da Parigi arrivano dichiarazioni al riguardo. E stavolta tocca a Verratti.

VERRATTI – Il centrocampista azzurro, ormai uno dei veterani del club parigino, ha parlato a Canal+ a fine match e si è accodato a Leonardo, Di Maria e Pochettino. E il ritornello, ovviamente, non può che essere lo stesso. Del resto, chi è che non vorrebbe avere nella propria squadra il sei volte Pallone d’Oro? “Ovviamente mi piacerebbe giocare con Messi. Averlo in squadra sarebbe magnifico, per me sarebbe l’ennesimo regalo che mi fa il calcio”. E con in squadra anche la Pulce, le partite diventerebbero…rilassanti. “Io darei palla a Neymar e a Messi e me me ne starei dietro solo per guardarmeli per un po’”, chiosa divertito Verratti. Un sogno che tutti al PSG vorrebbero vedere realizzato.

 (Photo by David Ramos/Getty Images)

SITUAZIONE – Del resto, da Barcellona non ci sono novità per il rinnovo di contratto di Messi. Nè potrebbero essercene, visto che le elezioni previste a gennaio sono state spostate a marzo causa pandemia. La situazione Covid-19 in Spagna è in miglioramento, quindi in Catalogna stavolta sperano di poter procedere con le operazioni elettorali, anche perchè il tempo stringe. Un altro rinvio potrebbe significare perdere definitivamente la Pulce senza la possibilità di formulare una proposta per provare a trattenerlo al Camp Nou. Nel frattempo il PSG studia la propria di proposta all’argentino. Visto i dettagli del contratto del numero 10 da poco trapelati, forse i parigini dovranno offrire di più di quanto preventivato finora. Ma da una parte i sogni non hanno prezzo. E dall’altra al Parco dei Principi i soldi sono l’ultima cosa che manca…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy