Anche Kantè ha dei difetti: David Luiz rivela un lato nascosto del francese…

Trovare un difetto a N’Golo Kantè sembra davvero una missione impossibile. Eppure il compagno di squadra rivela un particolare inaspettato: il centrocampista francese, celebre per la sua timidezza e per l’umiltà…si rifiuta di pagare al suo ristorante!

di Redazione Il Posticipo

Kantè, il giocatore perfetto. Corsa, intelligenza tattica, spirito di sacrificio. Uno dei grandi segreti prima del Leicester di Ranieri, poi del Chelsea di Conte e della Francia di Deschamps. Ma oltre alla validità in campo, del classe 1991 viene costantemente anche sottolineato il lato umano. Timido fino all’inverosimile, umile e per nulla amante dello sfarzo. La sua macchina è la stessa (comprata…per forza) dai tempi del primo anno al Leicester, il suo contratto, come riporta Football Leaks, non prevede scappatoie per pagare meno tasse, e se perde il treno…si fa ospitare dai tifosi e gli paga la colazione. Insomma, sembra quasi impossibile trovare un difetto a N’Golo Kantè.

DIFETTI – Ma c’è qualcuno che cerca di…rovinare la piazza al francese, facendo emergere qualche piccola macchia in questo ritratto così perfetto. Chi è? Un amico e compagno di squadra, David Luiz. Che da quanto riporta il Sun, assieme a Willian ha cominciato una nuova divertente missione: trovare qualche difetto al collega. E da quanto riporta il tabloid, i due forse ci sono riusciti. Parlando a Chelsea TV riguardo le cene di squadra nel ristorante di Mayfair di proprietà sua e del connazionale, il riccioluto difensore ha lanciato una frecciatina a Kantè: “Il ristorante piace a tutti, perchè di solito vengono qui e non vogliono mai pagare. Soprattutto N’Golo”. Che evidentemente non vuole…aumentare le entrate dei suoi compagni di squadra.

“NON VOGLIO PAGARE!” – Willian aggiunge: “È vero, se chiedi a N’Golo di pagare, lui risponde ‘Ah sì? Devo pagare? Oh no! Dai, tu e David siete buoni, avete un cuore grande…”. E David Luiz…ci mette il carico. “Anche se lo dico davanti a tutti, lui risponde ‘no, non voglio pagare!'”. Certo, non saranno le cene non pagate di Kantè a mandare in bancarotta il ristorante dei brasiliani, ma intanto il risultato è raggiunto. È stato trovato un difetto al francese. Ma ai tifosi…non interessa. Anzi, va a finire che si torna sempre sui soliti pregi. Come chiosa qualcuno, “Kantè è così umile che si vergogna persino a pagare il conto!”. E quindi la missione… forse è fallita!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy