Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Anche CR7 si emoziona: “Prima della partita ero nervosissimo, volevo essere ancora utile”

MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 11: Cristiano Ronaldo of Manchester United celebrates after scoring their side's second goal during the Premier League match between Manchester United and Newcastle United at Old Trafford on September 11, 2021 in Manchester, England. (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

Il fuoriclasse portoghese sapeva di dover dimostrare qualcosa. E voleva immediatamente lasciare il segno.

Redazione Il Posticipo

Si scrive Ronaldo, si legge record. Nella sfida contro il Newcastle il fuoriclasse portoghese è tornato a giocare nel campionato di Sua Maestà 12 anni e 118 giorni dopo. Ed è diventato, solo scendendo in campo il calciatore con un "intervallo" più  lungo di assenza. Superato l'ex difensore del Leicester e del Crystal Palace Damien Delaney (11 anni e 155 giorni dal 2002 al 2013). Eppure, al netto dei numeri anche Cristiano Ronaldo ha un cuore. E si emoziona. Non appena ha rimesso piede all'Old Trafford traboccante di attesa e passione per lui, ha dovuto fare i conti con l'emozione. Nodo alla gola sciolto nel migliore dei modi possibili, nonché più collaudato. Segnare.

EMOZIONATO  - Cr7 ha parlato ai microfoni della BBC al termine della sfida confidando anche i sentimenti che hanno caratterizzato la vigilia e le sensazioni provate prima dopo e durante il ritorno all'Old Trafford. : "Una giornata davvero incredibile. Ero davvero emozionato, molto nervoso. Sono tornato qui perché quando avevo 18 anni sono stato trattato in modo davvero incredibile.  Non mi aspettato una accoglienza del genere, non credevo avrebbero cantato il mio nome per tutta la durata della partita. Sono venuto qui per vincere e aiutare la squadra. E ho passato tutta la notte a convivere con l'idea che avrei dovuto giocare alla grande. Dovevo dimostrare di essere ancora in grado di essere un elemento utile alla squadra. Sono davvero orgoglioso di quanto è accaduto oggi".

 MANCHESTER, ENGLAND - SEPTEMBER 11: Cristiano Ronaldo of Manchester United celebrates with Bruno Fernandes after scoring their side's second goal during the Premier League match between Manchester United and Newcastle United at Old Trafford on September 11, 2021 in Manchester, England. (Photo by Clive Brunskill/Getty Images)

DOPPIETTA - La sera ha evidentemente portato consiglio. Ronaldo sapeva di dover dimostrare qualcosa. E voleva immediatamente lasciare il segno.  "Tutti sanno che il calcio in Inghilterra è profondamente diverso da quando l'ho lasciato. E rimane comunque un campionato unico. Giocare qui è assolutamente differente rispetto a qualsiasi altra parte del mondo. Onestamente, non pensavo di riuscire a mettere a segno una doppietta. Immaginavo fosse possibile mettere a segno una rete, ma non mi aspettavo di farne due. Ho provato una sensazione davvero difficile da descrivere.