Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti vuole Rabiot e sfodera l’arma segreta: l’Everton mette in campo mamma Veronique…

Arrivato a parametro zero a Torino l'ex PSG ha avuto più di qualche problema di ambientamento. La Signora non vuole privarsi del suo calciatore, ma il telefono di mamma Veronique ha squillato e dall'altro capo della cornetta c'era qualcuno che...

Redazione Il Posticipo

Una telefonata ti allunga la vita o...ti cambia la carriera. E quando si parla di calciomercato, basta davvero poco per spostare gli equilibri. Quello di Adrien Rabiot alla Juventus è abbastanza precario, visto che il centrocampista francese deve ancora trovare la sua dimensione in bianconero. Arrivato a parametro zero a Torino, seguendo una tradizione che ha in Pogba il miglior esempio, l'ex PSG ha avuto più di qualche problema di ambientamento. Al punto che spesso e volentieri, quando si è parlato di possibile partenze già a gennaio, si è fatto il suo nome. La Signora non vuole privarsi del suo calciatore, ma un telefono ha squillato...

DEBUTTO - Quello di mamma Veronique, da sempre la stella polare del centrocampista juventino e soprattutto la sua manager. E dall'altro capo della cornetta, spiega la testata francese Footmercato, c'era qualcuno che Adrien lo conosce bene, visto che gli ha regalato il debutto da professionista proprio ai tempi del PSG. Carlo Ancelotti vuole Rabiot per il suo Everton, alla disperata ricerca di un calciatore di livello europeo per sistemare la propria mediana. E chi meglio del francese, che a Torino sembra non aver ancora ingranato la marcia giusta? Dunque, da Liverpool parte l'offensiva e il miglior alleato del club inglese in questo caso non può che essere madame Veronique, una che alla fine ottiene (quasi) sempre quello che vuole.

VERONIQUE - Dipendesse dalla Juventus, il centrocampista a partire non sarebbe Rabiot ma Emre Can, nel mirino del PSG, tanto per rimanere in argomento Francia. Ma non si può sottovalutare il fatto che la madre del transalpino si sia messa attivamente in moto per influenzare di nuovo i destini calcistici di suo figlio. Lo ha fatto portandolo via dal City dopo qualche mese nelle giovanili e poi ancora non rinnovando il contratto con il PSG e negoziando prima con il Barcellona (trattativa fallita, si dice in Spagna, per le assurde pretese della genitrice-agente) e poi proprio con la Juventus. Juventus che ora si trova davanti alla possibilità di instaurare un braccio di ferro con la signora Veronique. Una eventualità che nel calcio non si augura davvero a nessuno...