Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti torna in corsa per l’Europa. Fuori casa, solo Guardiola meglio dell’Everton

 (Photo by Daniel Leal Olivas - Pool/Getty Images)

Vittoria preziosissima dell'Everton in casa del West Ham.

Redazione Il Posticipo

Calvert-Lewin permette all'Everton di Ancelotti di sbancare l'Olympic Stadium. L'Everton stende il West Ham e conquista un successo che riapre clamorosamente la corsa all'Europa. Il quinto posto, occupato proprio dagli hammers, è lontano appena tre punti. E il sesto e il settimo occupate da Liverpool e Tottenham, distano solo due punti.

RECORD - Un Everton da record quello di Carlo Ancelotti. Il tecnico italiano coglie l'undicesimo successo lontano da Liverpool. Solo il City di Guardiola, che ha vinto 13 volte, ha un rendimento migliore della squadra dell'ex tecnico del Napoli che fra l'altro ha totalizzato un altro record. Da quando esiste la Premier, l'Everton non aveva mai centrato così tante volte il bersaglio grosso in trasferta. E solo nella stagione 1984/1985, quando vinse il titolo, riuscì a totalizzarne di più (12). Numeri che rendono ben chiaro l'impatto dell'allenatore che si gode la vittoria. Le sue parole sono riprese dalla BBC.

FONDAMENTALE - Una vittoria fondamentale. "Siamo stati solidi in difesa ed efficaci in contropiede. Se avessimo perso, saremmo stati fuori dai giochi, ma questi tre punti ci mantengono non solo in vita, ma anche in lotta. E ci restiamo con grande determinazione. Adesso ci attende un'altrea sfida importante con l'Aston Villa, che vorremmo giocare al Goodison Park con i nostri tifosi. Abbiamo giocato con 2.000 tifosi contro Chelsea e Arsenal e abbiamo vinto entrambi. Non può essere un caso. Così come le 11 vittorie in trasferta significano che i tifosi sono davvero importanti. Credo che con i tifosi sugli spalti non ne avremmo vinte così tante. E allo stesso tempo, sono convinto che con la spinta dei tifosi non ne avremmo perso così spesso al Goodison".

LEWIN - Incredibile l'effetto Calvert-Lewin sulla squadra. Il ragazzo ha segnato già sedici gol. Tantissimi rispetto ai... suoi canoni. Ancelotti non ne è stupito" Potrebbe essere un bene per lui raggiungere 20 gol, ha quattro partite per cercare di raggiungere questo obiettivo, il che significa che ha avuto una stagione fantastica.Ha imparato a muoversi in area, il suo gol è stato fantastico, ma anche il passaggio perfetto. Avevo raccomandato agli attaccanti di concentrarsi su di lui e di servirlo a dovere".