calcio

Perchè Ancelotti potrebbe dire “no” alla Nazionale?

Ancelotti e l'Italia, sembra un matrimonio perfetto. Ma siamo così sicuri che Carletto decida di accettare la proposta di Tavecchio di prendere in mano le redini della squadra azzurra?

Redazione Il Posticipo

Il popolo calcistico ha deciso, chi comanda il calcio italiano anche. Tutto sembra avviarsi verso una soluzione condivisa e unanimemente apprezzata. Del resto, a chi non piacerebbe vedere Carlo Ancelotti sulla panchina della nazionale? Carletto, re Carlo, monarca di quattro dei cinque campionati più importanti del Vecchio Continente. E che nell'unica lega in cui non ha vinto, ha portato comunque una Champions League storica. Sembra un matrimonio perfetto. Tutti felici e contenti, a partire dalla Federcalcio, per continuare con tutte le componenti del pallone nostrano e terminare con i tifosi. Ma siamo così sicuri che Ancelotti decida di accettare la proposta di Tavecchio di prendere in mano le redini della squadra azzurra?

Ingaggio pesante e voglia di allenare

I primi problemi sono di livello economico e sportivo. A partire dall'ingaggio di Ancelotti, che al Bayern era uno dei tecnici più pagati d'Europa e che per accordarsi con la Federcalcio dovrebbe decurtarsi di parecchio lo stipendio. Si arriverebbe comunque a cifre difficili da offrire da parte della federazione, che sta già guardando agli sponsor (sulla falsariga del metodo utilizzato per mettere sotto contratto Conte) per garantire al tecnico ciò che chiede. Dall'altra parte c'è anche la scarsa propensione, almeno a parole, dello stesso Ancelotti a guidare una nazionale, abbandonando così il lavoro giorno dopo giorno sul campo in favore di una mansione di selezionatore. Carletto però è uomo di cuore e potrebbe tranquillamente decidere di soprassedere, accettando la panchina per amor di patria.

Solo la panchina potrebbe non bastare ad Ancelotti

Ma non sono questi i veri nodi della questione. I problemi reali sono quelli a livello politico e di gestione generale del calcio italiano. Ancelotti non ha alcuna intenzione di accettare la Nazionale a scatola chiusa. Sarebbe il colpo da maestro di Tavecchio, che anche attraverso l'ingaggio dell'ex allenatore del Milan cerca di recuperare parte del consenso perso dopo la debacle con la Svezia. Ma il presidente della Federcalcio deve per forza di cose sottoporre al suo candidato un piano di completa ricostruzione del calcio italiano. La sola panchina, per quanto prestigiosa, non può bastare. Servono riforme strutturali, una rivoluzione nel settore tecnico, la garanzia di poter inserire nell'organigramma federale uomini scelti dal CT in pectore che si occupino di tutto ciò che ruota intorno alle Nazionali. Se Tavecchio offrirà tutto questo, probabile che alla fine il matrimonio si faccia e che Ancelotti diventi il ventiseiesimo allenatore (commissioni tecniche escluse) dell'Italia.

Le altre opzioni: da Di Biagio a Guidolin

Se così non andrà, bisognerà guardare altrove. Sì, ma dove? A quel punto le soluzioni diventano due. La prima è l'interregno fino alla fine del campionato, nella speranza che qualcuno degli altri papabili (Allegri? Sarri?) si renda disponibile a prendere le redini della nazionale. In quel caso dovrebbe toccare a Di Biagio traghettare l'Italia in questi mesi, con la consapevolezza di un compito a termine ma con la speranza di giocarsi le proprie chances. Se invece Tavecchio insisterà per avere subito un CT, la scelta potrebbe ricadere su Francesco Guidolin, la cui ultima esperienza in panchina risale al 2016 alla guida dello Swansea. Una proposta del presidente della Federcalcio che sembra trovare appoggio anche tra le altre componenti federali. Ma sempre subordinata ad un rifiuto di Ancelotti. Che però, a conti fatti, non conviene praticamente a nessuno.

(function() {

var referer="";try{if(referer=document.referrer,"undefined"==typeof referer)throw"undefined"}catch(exception){referer=document.location.href,(""==referer||"undefined"==typeof referer)&&(referer=document.URL)}referer=referer.substr(0,700);

var rcel = document.createElement("script");

rcel.id = 'rc_' + Math.floor(Math.random() * 1000);

rcel.type = 'text/javascript';

rcel.src = "http://trends.revcontent.com/serve.js.php?w=82012&t="+rcel.id+"&c="+(new Date()).getTime()+"&width="+(window.outerWidth || document.documentElement.clientWidth)+"&referer="+referer;

rcel.async = true;

var rcds = document.getElementById("rcjsload_e27c7e"); rcds.appendChild(rcel);

})();

tutte le notizie di