Ancelotti: “Pickford è veramente dispiaciuto per l’infortunio di Van Dijk”

La storia del derby di Liverpool di cui si parla di più è quella relativa all’infortunio di Virgil Van Dijk. Ancelotti spiega quanto Pickford sia dispiaciuto e parla di un errore di tempismo.

di Redazione Il Posticipo

Il derby del Merseyside ha raccontato tante storie. La prima conferma il grande stato di forma dell’Everton di Carlo Ancelotti e del suo centravanti Calvert-Lewin. La seconda è che il Liverpool nel giro di pochi mesi passa da regina incontrastata d’Inghilterra allo status di “una delle concorrenti al titolo”. Eppure, la storia del derby di cui si parla di più è quella relativa all’infortunio di Virgil Van Dijk in seguito al contrasto con il portiere della nazionale inglese Jordan Pickford. Ancelotti spiega quanto il portiere sia dispiaciuto e parla di un errore di tempismo.

OVVIO? – “È ovvio che sia così”, potrebbe dire uno spettatore neutrale. Ma non è tanto scontato, andando a guardare sui social. Molti parlano di una possibile malizia nell’intervento scomposto del portiere dell’Everton sul difensore olandese. La gamba è alta e la botta al ginocchio è brutta. Van Dijk è obbligato ad andare sotto i ferri e Ancelotti ha tenuto a precisare la situazione a EvertonTv. “Per essere chiari, siamo molto dispiaciuti per l’infortunio di Van Dijk. Tutti noi speriamo che possa riprendersi presto e bene. C’è stato quel contatto con Jordan: tempismo sbagliato. Ma il fatto che la Premier League sia così veloce, rende semplice arrivare un po’ in ritardo su un contrasto“.

RITARDO – L’ex tecnico del Napoli continua: “Jordan è arrivato un po’ in ritardo ma la sua intenzione era quella di prendere la palla, non di far male a Van Dijk. Per dire che fosse premeditato e altre cose che stanno circolando, secondo me è troppo. Anche Virgil Van Dijk lo sa. A Jordan dispiace davvero tanto, è triste che si sia infortunato. Un contrasto duro, fuori tempo ma a volte nel calcio, può succedere“. Ovviamente, chi vorrà continuare a leggere la malizia in quell’intervento non sarà persuaso a non farlo per le dichiarazioni di Ancelotti. Di certo, certe cose vanno dette: sia per augurare pronta guarigione all’olandese che per non far sentire troppo in colpa Pickford.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy