Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti: “La nuova generazione ha meno rispetto per l’autorità, il mondo è diverso”

Ancelotti: “La nuova generazione ha meno rispetto per l’autorità, il mondo è diverso” - immagine 1

Dal mercato al turnover passando anche attraverso la gestione delle risorse umane...

Redazione Il Posticipo

Carlo Ancelotti alla vigilia della sfida con il Valencia a tutto campo. Dal mercato al turnover passando anche attraverso la gestione delle risorse umane. Le parole del tecnico del Real Madrid sono riprese da AS. 

GENERAZIONE  - Qualche nervosismo di troppo in casa Real. E ogni riferimento a Ceballos non è assolutamente casuale. Ancelotti affronta la situazione con la saggezza di chi ne ha viste tante e che è pronto anche ad assorbire un ricambio generazionale caratterizzato da un cambio di atteggiamento nei confronti dell'autorità. "Con Ceballos è successo quello che accade a un giocatore che vuole giocare e rientrare. Volevo concedergli dei minuti, ma non era la partita più adatta per lui, considerato che veniva da un infortunio. Alla fine si è arrabbiato e gli ho detto che poteva avere ragione, ma va tutto bene. Sa che ho molta fiducia in lui. Maleducazione? No, non è una questione sportiva, ma sociale. È cambiato il rapporto delle generazioni. Il rispetto che avevo con mio padre non è quello che ha mio figlio con me. Il mondo è cambiato è diverso. È una generazione con meno rispetto per l'autorità".

SCELTE - Al netto delle polemiche, restano da gestire anche l'infermeria e l'umore di chi gioca poco. "Stiamo gestendo tutto abbastanza bene, fra infortuni, casi di positività, problemi muscolari. Chiaramente con un calendario così intenso è molto più facile che ci siano infortuni. Bale ha ancora un problema alla schiena, non può spingere al 100% e preferisco non utilizzarlo. Non so quando tornerà. Per quanto riguarda Valverde, fa il suo. Non mi aspetto di più, è sui suoi livelli. Non gioca come all'inizio ma è anche normale fa parte della turnazione. Siamo il Real Madrid è normale avere concorrenza".

PROSPETTIVE - Si parte per un rush finale praticamente senza sosta. A perdifiato sino a giugno e con pochissimo margine di errore. "Il campionato è ancora molto complicato, ogni squadra può generare delle difficoltà. Il Siviglia è ancora in corsa, non dobbiamo sottovalutare le altre, il nostro unico obiettivo deve essere ripetere la prima parte di stagione. L'importante è che la squadra resti sempre concentrata sui propri obiettivi".