Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti: “Haaland al City? Mi tengo i miei, non creano problemi e mi hanno portato in finale di Champions”

Ancelotti: “Haaland al City? Mi tengo i miei, non creano problemi e mi hanno portato in finale di Champions” - immagine 1

Il tecnico italiano si sofferma sull'importanza del turnover e sulla competitività della sua rosa a prescindere dai movimenti di mercato della concorrenza.

Redazione Il Posticipo

Ancelotti a tutto campo: prima della sfida con il Levante, ininfluente ai fini del campionato delle merengues, già da tempo Campioni di Spagna, il tecnico italiano si sofferma sull'importanza del turnover e sulla competitività della sua rosa a prescindere dai movimenti di mercato della concorrenza. Le sue parole sono riprese da AS.

STAGIONE - Una stagione al di là di ogni aspettativa. "Abbiamo vissuto un'annata indimenticabile. In primis per il rapporto che ho avuto con i giocatori. Nessuno mi ha creato problemi. In passato ho avuto chi mi faceva una brutta faccia quando non scendeva in campo, invece qui se comunico a qualcuno che non giocherà risponde che non c'è problema. Nessuno poteva pensare che il Real potesse raggiungere la finale di Champions League, e questo traguardo ha generato tanto entusiasmo tra i tifosi. Ho visto la partita del Liverpool più da analista che da tifoso. È una squadra che conosco bene, l'ho affrontata molte volte negli ultimi quattro anni. Penso che anche loro conoscano molto bene me e il Real Madrid. Andiamo a giocarci questa finale con grande serenità".

CHAMPIONS - Inevitabile qualche turnazione. E Ancelotti si toglie qualche sassolino. "Dobbiamo gestire i calciatori affinché rendano al massimo e non accumulino fatica. Per questo ho cambiato molti uomini nel derby e lo farò di nuovo in vista del prossimo impegno. Mi avete spesso contestato di non utilizzare il turnover. Adesso mi si rimprovera di abusarne. Credo sia il momento di dare spazio e soddisfazione a tutti. Occorre preparare la finale cercando di portare tutti i calciatori sullo stesso piano".

MERCATO - Haaland va al City. Mbappé non ha firmato. Ancelotti non drammatizza. "Parlare del prossimo mercato mi sembra davvero prematuro. Se ne parlerà dopo la finale. Haaland è un grande giocatore, ha scelto un grande club. Io rimango volentieri con la mia rosa che mi ha portato a godermi una nuova finale di Champions. Alcuni calciatori come Rodrygo stanno crescendo. Ha grande talento, è umile e intelligente, dobbiamo solo avere un po' di pazienza, siamo fortunati ad avere un giocatore come lui. E poi c'è Vinicius, bravissimo, deve solo migliorare nei movimenti senza palla".