calcio

Ancelotti e le rotazioni: “Infortuni inevitabili. Chi ha paura di farsi male può stare sul divano”

Ancelotti e le rotazioni: “Infortuni inevitabili. Chi ha paura di farsi male può stare sul divano” - immagine 1
Il tecnico italiano alla vigilia della sfida con il Lipsia.

Redazione Il Posticipo

Real Madrid alla Red Bull Arena per mettere... le ali e chiudere anche ogni discorso legato al primo posto del girone con 90' di anticipo in modo da poter ruotare gli uomini e gestirli prima della pausa mondiale. In questo senso, Ancelotti ha una teoria precisa per evitare infortuni. Le sue parole in conferenza stampa sono riprese da Bernabeu Digital.

ROTAZIONI

—  

Vincere per... risparmiarsi anche se coniugare questo verbo alla Casa Blanca non va ma di moda. "In questo club tutte le partite sono importanti e devi tirare fuori il meglio di te stesso, sia in Champions che in campionato. L'obiettivo è finire bene la prima parte di stagione, che non decide molto, ma comunque  lascia nelle migliori condizioni possibili per il proseguo della competizione. Per quanto riguarda le scelte, Vinicius sarà della partita perché non è stanco anche se stiamo attraversando un periodo molto intenso della stagione perché si giocano davvero troppe partite".

INFORTUNI

—  

Inevitabile che il discorso scivoli sugli infortuni e su alcuni calciatori che magari giocano... al risparmio. "Stiamo tenendo bene, ma è inevitabile avere problemi e degli infortuni. È normale quando giochi sempre ogni tre giorni. Credo che i calciatori pensino al Mondiale, ma senza risparmiarsi. Se non vuoi infortunarti è meglio restare sul divano. Anche perché ci si può fare male anche in allenamento, con il contatto con un compagno di squadra. Chi ha paura è meglio che resti a casa a vedere la tv, le opzioni non mancano. Ci sono tanti bei film e serie".

Ancelotti e le rotazioni: “Infortuni inevitabili. Chi ha paura di farsi male può stare sul divano”- immagine 2

ASENSIO

—  

Gli chiedo di essere professionale e serio, oltre che di sopportare i momenti difficili. Asensio e chi gioca di meno lo fa. Chi gioca di meno lo farà domani per fare il loro contributo alla squadra. Il club e l'Asensio sanno cosa voglio. Ci sono giocatori in scadenza di contratto e ora, visto che c'è una lunga pausa, è il momento di parlarne. C'è molto tempo per farlo e Asensio è sarà uno di questi soggetti"