Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti e la rosa corta: 18 giocatori sono fedelissimi, ma altri 5, Hazard compreso, fanno…tappezzeria

Ancelotti e la rosa corta: 18 giocatori sono fedelissimi, ma altri 5, Hazard compreso, fanno…tappezzeria - immagine 1
Il Real Madrid si ritrova...l'armadio mezzo vuoto, con alcuni vestiti che i Blancos sembrano non voler indossare se non in situazioni di emergenza. Ci sono infatti cinque calciatori dei 23 registrati che fanno decisamente tappezzeria...

Redazione Il Posticipo

Il Real Madrid di Carlo Ancelotti deve difendere due titoli in questa stagione, quello di campione di Spagna e quello di campione d'Europa. In patria ha un avversario molto pericoloso, perchè il Barcellona di Xavi sta dimostrando di poter competere eccome per vincere la Liga. E la Champions, beh, per quanto i Blancos siano sempre totalmente a loro agio nella competizione, non si sa mai cosa può riservare l'élite del calcio continentale. Dunque, non è un lavoro semplice per Carlo V, che si trova anche in una situazione abbastanza complicata: come spiega AS, il tecnico italiano non ha poi tutte queste scelte quando si parla di calciatori da schierare.

5 calciatori inutilizzati

—  

Il quotidiano spagnolo parla infatti di...armadio mezzo vuoto quando analizza la situazione del Real Madrid. Certo, i vestiti che ci sono dentro sono quasi tutti importanti, ma si arriva anche a una zona in cui ce ne sono alcuni che i Blancos sembrano non voler indossare se non in situazioni di emergenza. Ci sono infatti cinque calciatori dei 23 registrati che fanno decisamente tappezzeria. I nomi di questi cinque sono quelli di Eden Hazard, Mariano Diaz, Jesus Vallejo e Alvaro Odriozola, più il secondo portiere Lunin, che almeno prima sembrava fare qualche partita in Copa del Rey ma che in questa stagione si è visto davanti Courtois persino quando di fronte al Real c'erano squadre come il Cacereno di tre categorie più basse.

La squadra è stanca

—  

Insomma, pochi ricambi per Ancelotti, anche perchè il mercato estivo da questo punto di vista non è stato particolarmente foriero di elementi di spicco. Vero, sono arrivati Tchouameni e Rudiger, ma allo stesso tempo se ne sono andati Bale, Isco, Casemiro, Jovic e Marcelo. L'unico indispensabile era il brasiliano, che il suo ricambio ce l'ha, ma di certo un conto è poter mettere in campo uno come Bale piuttosto che doversi affidare a Mariano Diaz. E infatti Ancelotti, molto semplicemente, non lo fa. I cambi che hanno ribaltato il match di coppa contro il Villarreal sono stati Ceballos e Asensio, due che, pur non essendo titolari, vengono comunque utilizzati. Gli altri, compreso il belga che qualche anno fa è costato oltre 100 milioni, fanno tappezzeria. E quando il tecnico dopo una partita spiega che l'unico compito dei suoi è quello di riposare, allora sì che le cose non vanno benissimo...