Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti e la cacciata degli scontenti: “Voglio giocatori felici di stare qui!”. Ma Kean…

 (Photo by Daniel Leal Olivas - Pool/Getty Images)

Ancelotti invita gli scontenti dell'Everton a trovarsi altre sistemazioni. Tra questi però c'è Moise Kean, che i tifosi, avendolo visto in azione a Parigi, rivorrebbero.

Redazione Il Posticipo

Certe cose sembrano scontate. Sarà demagogia ma ci si aspetta che giocatori strapagati lottino fino all'ultimo secondo per la maglia che indossano. Ci si aspetta che la voglia di vincere sia molta e che nessuno in squadra abbia voglia di mostrare all'allenatore di aver gettato la spugna. Se poi l'allenatore si chiama Carlo Ancelotti, ancora meno. Tuttavia, nella fattispecie all'Everton, pare che qualcosa non vada. Ancelotti, senza fare tanti nomi di individualità parla senza troppi giri di parole invitando gli scontenti a trovarsi altre sistemazioni. Tra questi però c'è Moise Kean, che i tifosi, avendolo visto in azione a Parigi, rivorrebbero.

SCONTENTI - La sconfitta contro lo Sheffield United ha lasciato interdetto e non poco l'ex tecnico di Napoli, Milan e Real Madrid. L'atteggiamento dei giocatori non ha convinto il tecnico emiliano e secondo il MailOnline avrebbe tenuto una riunione di squadra per far passare un messaggio semplice: gli scontenti all'Everton possono anche cercarsi un'altra sistemazione. Peccato che tra gli scontenti vari ci sia anche Moise Kean che nell'ultima stagione ha fatto letteralmente le fiamme in Ligue 1 col PSG. E a Parigi, vuole restarci. Sull'ex attaccante della Juventus Ancelotti dice: "Se vuole restare a Parigi, l'unico modo è quello di trovare un accordo". E dopo una stagione del genere, presumibilmente questo si tradurrà in un'offerta importante dei francesi..

 (Photo by Tolga Bozoglu - Pool/Getty Images)

CHE SE NE VADANO - Di giocatori che siano all'Everton perchè non hanno trovato (nelle loro idee) di meglio, il tecnico non sa decisamente che farsene. Il messaggio di Re Carlo è chiaro, quella è la porta. "Non ci sono problemi. Voglio giocatori che siano contenti e che vogliano stare all'Everton e che si sentano parte di questo progetto. Non c'è un giocatore che possa forzare a stare qui. Non voglio fare nomi ma molti dei miei giocatori non si sono impegnati abbastanza nella partita contro lo Sheffield. È inaccettabile perché la partita era molto importante". Uno sfogo che potrebbe anche far diminuire i rumors sull'interesse del Real Madrid per lui: quanto appena detto sui giocatori lascia intendere che l'allenatore voglia restare nel Merseyside. A meno che tra gli scontenti...non metta anche se stesso!