Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Ancelotti accarezza il sogno europeo: “Voglio l’Everton in Champions e prima o poi la giocheremo”

 (Photo by Daniel Leal Olivas - Pool/Getty Images)

Il tecnico ritiene che la sua squadra possa lottare per l'Europa. Anche quella che conta.

Redazione Il Posticipo

Ancelotti punta la zona Champions. L'Everton si gioca il quarto posto nello scontro diretto con il Leicester, già sconfitto all'andata. La sfida, al di là della possibilità di tornare fra le prime quattro, è un test importante anche per capire sino a dove può spingersi una squadra allestita per un ritorno in Europa. Entrare dalla porta principale in quella che conta sarebbe un risultato straordinario. Ancelotti ne è consapevole. Le sue parole sono riprese dal sito ufficiale del club.

SCONTRO DIRETTO - Il tecnico spiega chiaramente l'importanza del match, soprattutto per l'autostima che può derivarne. "Le partite contro Leicester e Newcastle saranno importanti per noi per capire dove vogliamo essere anche in futuro. Abbiamo un bel ricordo dell'ultima volta che abbiamo giocato a Leicester, penso sia stata la nostra miglior partita di questa stagione e dobbiamo trarne fiducia. Vogliamo batterli e per riuscirci servirà la partita perfetta. Sarà fondamentale impedirgli di mettere in campo le loro qualità".

 (Photo by Nathan Stirk/Getty Images)

EUROPA - Sfida che vale l'Europa. Un sogno che Ancelotti pensa che presto possa tramutarsi in realtà. "Il nostro obiettivo è lottare per i primi quattro o sei posti. Queste due partite casalinghe (quella successiva è contro il Newcastle) chiariranno le prospettive. Spero che sia un bel futuro. Portare l'Everton in Champions League è un grande desiderio ed è anche una motivazione fantastica. Questo è l'obiettivo che ci poniamo per il futuro. Non so quanto tempo ci vorrà, ma spero che presto potremo giocare partite in Champions League".

RECUPERO - Ancelotti può contare su dei recuperi importanti. L'infermeria si sta svuotando. Indispensabile reinserire i calciatori senza perdere l'equilibrio delle ultime settimane. "Quando abbiamo avuto diversi indisponibili ci siamo adattati molto bene. E adesso che sono tornati ci aspettiamo un qualcosa di diverso, e di più, in avanti, senza perdere però compattezza. L'equilibrio di squadra è fondamentale e i ragazzi ne sono consapevoli. James, contro lo Sheffield ha rispettatole consegne. Essere veloce ed efficace nell'ultimo passaggio e nei calci da fermo. Adesso abbiamo un tipo di gioco diverso, più difficile, è un test importante per noi".

.