calcio

Morata e gli altri…figli di papà: i calciatori “nati ricchi” già prima di fare carriera

Redazione Il Posticipo

Non era ricco, ma di certo non proveniva dalle favelas. Kakà non ha avuto un’infanzia complicata come molti suoi colleghi sbarcati a Milano. Figlio di un ingegnere e di una professoressa, il brasiliano era “atipico” considerando che poteva permettersi, rispetto a diversi suoi compagni di squadra, nel momento in cui si tiravano i primi calci, una vita particolarmente agiata.