calcio

Grattatine, palloni intoccabili, litri di caffè e guai a entrare in campo: Sarri, una vita…di scaramanzie

Redazione Il Posticipo

Se il pallone non deve uscire, Sarri...non vuole entrare. Anzi, preferisce non calpestare la linea di bordocampo. Una scaramanzia che non è venuta meno neanche a Wembley, per la finale di Carabao Cup del Chelsea contro il City. Prima dell'inizio dei supplementari, giocatori e personale hanno formato un cerchio per fare spazio al manager senza costringerlo ad andare oltre la linea. E persino nel momento di rabbia per il rifiuto di Kepa di uscire dal campo, il suo spirito superstizioso gli ha impedito di farlo. Peccato che alla fine il suo Chelsea abbia perso.