Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Alphonso Davies, la Champions è un problema di famiglia: “Gioco col Bayern, ma mio padre tifa Chelsea…”

(Photo by Harry Langer/DeFodi Images via Getty Images)

Trasferta insidiosa per il Bayern Monaco agli ottavi di Champions League: la squadra di Hans-Dieter Flick sfida il Chelsea allo Stamford Bridge. Sfida particolare per Alphonso Davies: la vittoria del Chelsea infatti potrebbe essere accolta...

Redazione Il Posticipo

Londra chiama, il Bayern Monaco di Hans-Dieter Flick è pronto a rispondere in Champions League. Allo Stamford Bridge è in programma un ottavo di finale di lusso che è stato la finale dell'edizione 2011-12, quella in cui il Chelsea di Roberto Di Matteo ha avuto la meglio sui campioni di Germania all'Allianz Arena ai rigore. Sarà una gara speciale soprattutto per Alphonso Davies acquistato dal Bayern Monaco un anno fa e oggi diventato un giocatore chiave dei bavaresi.

CRESCITA - Dopo un inizio col freno a mano tirato, Alphonso Davies è esploso. Agli ordini di Flick il terzino del Bayern è stato titolare nelle ultime tre gare disputate dai campioni di Germania alla fase a gironi di Champions in cui ha realizzato due assist contro il Tottenham (3-1 all'Allianz). Il giocatore canadese di origini liberiane classe 2000 pensa alla gara in programma contro il Chelsea di Frank Lampard: scendere in campo allo Stamford Bridge per Davies sarà speciale.

PAPÀ TIFOSO - Una vittoria dei Blues non sarebbe un dramma per i Davies. Il terzino ha fatto una rivelazione ai microfoni del sito ufficiale della Bundesliga a poche ore dalla sfida contro il Chelsea: "Mio padre è sempre stato un grande tifoso dei Blues ed io ero fan di Didier Drogba". Nonostante questo, Davis non ha nessuna intenzione di arretrare di un centimetro in vista della gara: "Sarà difficile. Il Chelsea è una squadra giovane e affamata. Noi dobbiamo essere pronti". Davies potrebbe incrociare Fikayo Tomori che giocato col Canada da giovane prima di optare per l'Inghilterra quando ha scelto la sua nazionale maggiore. Probabilmente sotto gli occhi di suo padre.