calcio

Alonso, che impresa: al Bayer… è passato il mal di testa

Alonso, che impresa: al Bayer… è passato il mal di testa - immagine 1
Aspirine che dopo mesi in zona retrocessone si trovano a sognare l'Europa.

Redazione Il Posticipo

Effetto Xabi Alonso sul Bayer Leverkusen. L'ex centrocampista di Real Madrid e Bayern è subentrato a Gerardo Seaoane sulla panchina della Bay Arena a ottobre con l'obiettivo di salvare una squadra che era penultima, a nove punti dall'Europa e a 10 dalla zona Champions. E adesso si ritrova a inseguire l'Europa.

FIDUCIA

—  

Eppure non era iniziata benissimo. Lo spagnolo, nelle prime otto partite aveva vinto solo in una occasione. Eliminato anche dalla Coppa di Germania sembrava a un passo dall'addio, prima di chiedere e ottenere fiducia. E prima ha risalito la china, poi la classifica. Alonso ha calato il poker contro lo Schalke 04 ed è riuscito a centrare la qualificazione per l'Europa League evitando l'ultimo posto nel girone, lasciato all'Atletico Madrid. E in campionato, dopo la vittoria per 5-0 sull'Union Berlino, è cambiato tutto. Dopo il mondiale, la svolta. Il Bayer ha inanellato altre tre vittorie consecutive (1-2 contro il Colonia, 2-0 contro lo Stoccarda e 2-3 contro il Borussia Mönchengladbach) che hanno proiettato la squadra dal sedicesimo posto al nono a sette punti dall'Europa e nove dalla Champions League.

Alonso, che impresa: al Bayer… è passato il mal di testa - immagine 1

CRESCITA

—  

La crescita è testimoniata anche dai numeri. Un cambiamento radicale.  Il Bayer è cresciuto sotto il profilo di rendimento in tutte le voci. La squadra ha chiuso la porta... e buttato la chiave. Dalla media di 2,08 gol subiti a partita nei primi 12 turni si è passati a un confortante 0,75 negli ultimi quattro. Merito anche dell'intuizione del tecnico che è passato alla difesa a tre composta da Kossounou, Tapsoba e Hincapié rivelatasi un muro intorno a Hradecky. Anche in fase offensiva il miglioramento è percepibile: sino alla dodicesima giornata la squadra segnava 1,3 gol a partita. Adesso viaggia a un media di tre. E i margini di miglioramento sono ancora tutti da esplorare. Preso atto dell'efficacia di Diaby, quattro gol in quattro partite, si attende anche il recupero di Wirtz. Tutte buone notizie per Alonso. Quando ha parlato di Europa, sembrava un esercizio di ottimismo esagerato. Invece il piano sta funzionando e il traguardo è ancora possibile per il Leverkusen.